Voci dell’agenzia libera dell’NBA 2022: aggiornamenti in tempo reale mentre Kevin Durant chiede il commercio; Jalen Brunson ai Knicks

Con la stagione 2021-22 e il Draft NBA entrambi nei libri, tutti gli occhi sono ora puntati sull’inizio della free agency. Le speculazioni e le voci che circondano la libera agenzia sono davvero divertenti in questo periodo dell’anno. Al mercato dei free agent potrebbero mancare alcuni grandi nomi quest’estate, ma sarà comunque un’intensa offseason. Ore prima dell’inizio ufficiale della libera agenzia, Kevin Durant ha richiesto uno scambio dai Brooklyn Nets. Una delle più grandi superstar della NBA è ora destinata a cambiare squadra quest’estate e la richiesta di scambio di KD influenzerà senza dubbio il modo in cui le squadre gestiranno i loro affari fuori stagione.

La free agency NBA inizia giovedì alle 18:00 ET, quando le squadre possono iniziare a negoziare con i giocatori. Tuttavia, gli accordi non saranno ufficiali fino alla revoca della moratoria il 6 luglio. L’NBA ha detto alle squadre che il tetto salariale per la prossima stagione sarà fissato a $ 123,6 milioni, $ 11,6 milioni in più rispetto al tetto massimo di $ 112 milioni dell’anno scorso. Figura. Zach LaVine e Deandre Ayton sono tra i migliori free agent illimitati disponibili in questa bassa stagione. Un nome del gruppo è Jalen Brunson, che secondo quanto riferito ha accettato un contratto quadriennale da 110 milioni di dollari con i New York Knicks.

Per un elenco completo, vedere la ripartizione di James Herbert 50 migliori giocatori disponibili.

Non aspettarti troppi acquisti fantasiosi quest’estate, così com’è ora, solo cinque squadre avranno uno spazio di gioco significativo con cui lavorare. Il Pistoni di Detroit, Indiana Pacers, Magia dell’Orlando, Blazer da pista Portland, Speroni di Sant’Antonio e si prevede che i New York Knicks avranno più spazio per i cappelli. Segui di seguito tutti gli aggiornamenti, le voci e le informazioni importanti mentre ci avviciniamo all’inizio della free agency NBA.

READ  Elon Musk ha rinunciato al suo accordo per acquistare Twitter