Viene rivelata la prima immagine del buco nero supermassiccio al centro della Via Lattea

Questa è la prima osservazione diretta a confermare la presenza di un buco nero chiamato Sagittario A* nel cuore pulsante della Via Lattea.

I buchi neri non emettono luce, ma l’immagine mostra l’ombra del buco nero circondata da un brillante anello di luce curvato dall’attrazione gravitazionale del buco nero. Gli astronomi affermano che il buco nero è 4 milioni di volte più grande del nostro Sole.

“Per decenni, gli astronomi si sono chiesti cosa c’è nel cuore della nostra galassia, trascinando le stelle in orbite strette grazie alla loro immensa gravità”, ha affermato Michael Johnson, dell’Astronomy Center’s Astronomy | Lo hanno detto Harvard e Smithsonian in una nota.

“Con l’immagine (Event Horizon Telescope o EHT), ci siamo ingranditi mille volte più vicino a queste orbite, dove la gravità diventa un milione di volte più forte.

Il buco nero si trova a circa 27.000 anni luce dalla Terra. Il nostro sistema solare si trova in uno dei bracci a spirale della Via Lattea, motivo per cui siamo così lontani dal centro della galassia. Se potessimo vederlo nel nostro cielo notturno, il buco nero sembrerebbe avere le dimensioni di una ciambella sulla luna.

“Siamo rimasti sorpresi di come le dimensioni dell’anello corrispondessero alle previsioni di Einstein sulla relatività generale”, ha affermato Jeffrey Bower, uno scienziato del progetto EHT presso l’Accademia di Astronomia e Astronomia dell’Accademia di Sineca a Taipei.

“Queste osservazioni senza precedenti hanno notevolmente migliorato la nostra comprensione di ciò che sta accadendo nella nostra galassia (al centro) e forniscono nuove informazioni su come questi buchi neri giganti interagiscono con l’ambiente circostante”.

I risultati di questa straordinaria scoperta sono stati pubblicati giovedì in un numero speciale Lettere dal Journal of Astronomy.

Alla ricerca del buco nero

Gli astronomi hanno impiegato cinque anni per catturare e confermare questa immagine e questa scoperta. In precedenza, gli scienziati hanno osservato le stelle in orbita attorno a un oggetto invisibile e massiccio al centro della galassia.

Il Premio Nobel 2020 per la Fisica Presentato agli scienziati Roger Benrose, Reinhard Jensel e Andrea Guess per le loro scoperte sui buchi neri, comprese le prove condivise da Guess e Jansel sulla massa di materia al centro della Via Lattea.
Premio Nobel per la Fisica per le scoperte di buchi neri che rivelano

“Ora vediamo il buco nero inghiottire gas e luce nelle vicinanze. Harvard e Smithsonian hanno dichiarato in una dichiarazione,” Questo film conferma decenni di lavoro teorico per capire come si nutrono i buchi neri.

READ  Il sospetto è ancora più grande per le riprese della metropolitana di Brooklyn: annunci dal vivo

Evento La scoperta è stata resa possibile da oltre 300 ricercatori di 80 aziende che lavorano con una rete di otto diversi radiotelescopi in tutto il mondo che compongono il telescopio Horizon.

Questo telescopio è stato chiamato “orizzonte degli eventi”, il punto in cui nessuna luce poteva fuoriuscire dal buco nero. Questa rete globale di telescopi crea fondamentalmente un telescopio virtuale “delle dimensioni della terra” che può essere collegato e visualizzato insieme.

Questa è la seconda immagine scattata nel buco nero Il record di EHT di Imaging M87 * per primo Al centro della lontana galassia Messier 87, situata a 55 milioni di anni luce di distanza nel 2019.
Questi pannelli mostrano le prime due immagini del buco nero.  M87* a sinistra, Sagittario A* a destra.

Sebbene le due immagini siano identiche, il Sagittario è 1.000 volte più piccolo di A * M87 *.

“Abbiamo due tipi completamente diversi di galassie e due diverse masse di buchi neri, ma vicino al bordo di questi buchi neri sono miracolosamente identici”, ha affermato Sera Markoff, professore di astronomia teorica all’EHT Science Council. In un comunicato dell’Università di Amsterdam.

“(La teoria di Einstein) ci dice che la relatività generale governa da vicino questi oggetti e che qualsiasi differenza che vediamo in lontananza deve essere dovuta a differenze negli oggetti attorno al buco nero”.

Cattura l’immagine impossibile

Anche se il buco nero della Via Lattea era vicino alla Terra, era molto difficile da catturare.

“Il gas più vicino ai buchi neri si muove attorno a Sgr A* e M87* alla stessa velocità, all’incirca alla velocità della luce”, ha affermato lo scienziato EHT C-Kwan San Stewart, del Laboratory and Institute of Data Science dell’Università di Astronomia e Università dell’Arizona.

READ  Sarah Pauline ha annunciato che si candiderà al Congresso in Alaska

“Ma quando il gas impiega giorni o settimane per orbitare attorno al più grande M87 *, completa un’orbita in pochi minuti al più piccolo Sgr A *, il che significa che la luminosità e la forma del gas attorno a Sgr A * cambiano rapidamente con EHT osservazione. È come scattare una foto nitida di un cucciolo che si insegue rapidamente la coda. “

Se i giganteschi buchi neri M87 * e Sagittario A * fossero successivi, il Sagittario A * sarebbe sminuito da M87 *, che sarebbe 1.000 volte più grande.

La rete globale di astronomi ha dovuto sviluppare nuovi strumenti per consentire il rapido movimento del gas intorno al Sagittario A*. L’immagine risultante è la media delle diverse immagini scattate dal gruppo. I ricercatori del California Institute of Technology affermano che scattare una foto del Sagittario A* è come scattare un granello di sale a New York City usando una fotocamera a Los Angeles.

“Questa immagine del telescopio Event Horizon ha richiesto più di una semplice foto da un telescopio in alta montagna. , Ingegneria Elettrica e Astronomia al Caltech, ha detto in una conferenza stampa.

L'immagine del buco nero che hai visto ovunque?  Grazie a questo studente laureato che ha reso possibile tutto questo
Bouman ha anche lavorato all’acquisizione dell’immagine M87 * Condiviso nel 2019. Sebbene l’immagine A* del Sagittario appaia sfocata, “questa è una delle immagini più nitide mai scattate”, ha detto Bouman.

Ogni telescopio è spinto al suo limite, che è chiamato limite di diffrazione o le massime caratteristiche microscopiche che può vedere.

“Questo è quello che vediamo qui”, ha detto Johnson in una conferenza stampa. “Non è chiaro, perché per creare un’immagine nitida dobbiamo spostare ulteriormente i nostri telescopi o andare a frequenze più alte”.

All’orizzonte

Avere immagini di due diversi buchi neri consente agli astronomi di determinare le loro somiglianze e differenze e di capire come il gas agisce attorno ai buchi neri supermassicci, che contribuiscono alla formazione e all’evoluzione delle galassie. Si ritiene che la maggior parte delle galassie abbia al centro dei buchi neri, che fungono da motore che le guida.

Il Sagittario A* è al centro della nostra galassia, mentre M87* si trova a 55 milioni di anni luce dalla Terra.

Nel frattempo, il team EHT sta lavorando per espandere la rete del telescopio e condurre aggiornamenti che potrebbero portare a immagini e filmati più straordinari dei buchi neri in futuro.

Il buco nero della Via Lattea ha cacciato una stella dalla nostra galassia

Filmare il buco nero in movimento può mostrare come cambia nel tempo e cosa fa il gas mentre ruota attorno al buco nero. Bouman e il membro dell’EHT Antonio Fuentes si uniranno al Caltech in ottobre come ricercatore post-laurea, sviluppando metodi che consentiranno di unire le immagini del buco nero per riflettere questo movimento.

READ  Con il rimbalzo del mercato azionario, l'inflazione nel Regno Unito è ai massimi degli ultimi 40 anni

Ferial O’Sullivan, membro dell’EHT Science Council, professore di astronomia e fisica e preside associato della ricerca presso l’Università dell’Arizona, ha affermato che questo è stato “l’inizio della prima immagine dal vivo del gigante molle al centro di la nostra galassia”. Conferenza stampa.

“Questo film è una testimonianza di ciò che possiamo ottenere unendo le nostre menti brillanti per rendere la comunità di ricerca globale il più apparentemente impossibile possibile”, ha affermato Sethuraman Panchanathan, direttore della National Science Foundation. “La lingua, i continenti e persino le stelle non possono essere un ostacolo a ciò che l’umanità può ottenere se lavoriamo insieme per il miglioramento di tutti”.