Uno dei quattro uomini musulmani uccisi negli omicidi di Albuquerque ricordato come “brillante funzionario pubblico”

La polizia ritiene che la morte di Muhammad Afzal Hussain il 1 agosto possa essere collegata all’omicidio di altri tre uomini musulmani. L’ultimo omicidioLa polizia di Albuquerque è stata allertata venerdì notte, un giorno dopo che le autorità hanno stabilito che c’era un legame tra gli omicidi di Hussain e il 41enne Aftab Hussain, che, come Hussain, è pakistano.

Gli investigatori stanno lavorando per determinare se le sparatorie siano collegate all’uccisione di novembre di Mohammad Ahmadi, un musulmano afgano che è stato ucciso fuori da un’attività che lui e suo fratello avevano.

Al momento della sua uccisione, Hussain stava lavorando nel consiglio di pianificazione della città di Española, nel New Mexico, e si è detto “profondamente rattristato” nell’apprendere della morte dell’uomo, secondo il comunicato stampa del sindaco.

“Muhammad era pacato e gentile, pronto a ridere”, ha detto il sindaco John Ramon Vigil in un comunicato stampa lo scorso mercoledì. “Era molto rispettato e apprezzato dai suoi colleghi e membri della comunità”.

Hussain, che ha lavorato in ufficio per un anno, ha studiato legge e gestione delle risorse umane presso l’Università del Punjab in Pakistan, prima di conseguire un master e una laurea in pianificazione territoriale e comunitaria presso l’Università del New Mexico, afferma il comunicato del sindaco.

“I nostri dipendenti della città hanno perso un membro della nostra famiglia e tutti noi abbiamo perso un grande funzionario pubblico che amava servire e migliorare la sua comunità”, ha affermato il sindaco in una nota.

La polizia dice che le vittime sono state tese in un’imboscata senza preavviso

L’FBI sta assistendo nelle indagini. secondo un comunicato stampa del dipartimento di polizia di Albuquerquecreato da Un portale online I residenti possono caricare video e immagini che potrebbero aiutare le autorità a indagare sui recenti omicidi. C’è un consiglio locale per la prevenzione della criminalità Votato per aumentare la taglia Da $ 15.000 a $ 20.000 per informazioni che portano a un arresto.
“Queste sparatorie sono preoccupanti”, ha detto sabato il capo della polizia di Albuquerque Harold Medina in una conferenza stampa. Subito dopo è stata trovata la quarta vittima.

Gli agenti di polizia di Albuquerque hanno risposto alle notizie di una sparatoria nell’area di Truman Street e Grand Avenue poco prima della mezzanotte di venerdì e la vittima è stata dichiarata morta, secondo un comunicato stampa del dipartimento di polizia. La vittima, un uomo musulmano che si ritiene abbia circa 20 anni, è di origine sudasiatica, ha detto la polizia. La sua identità non è stata confermata positivamente, ha aggiunto il comunicato.

READ  Elezioni presidenziali francesi: Macron guida Le Pen al primo turno delle urne

Hussain, Hussain e Ahmadi sono stati tutti “caduti in un’imboscata e uccisi senza preavviso”, ha detto in precedenza Kyle Hartsock, vice comandante della divisione investigativa criminale del dipartimento di polizia.

“La nostra massima priorità è mantenere la comunità al sicuro, in particolare la comunità musulmana, e stiamo chiedendo loro di essere vigili e di prendersi cura l’uno dell’altro. Se vedi qualcosa, dì qualcosa”, ha detto sabato il capo della polizia. “Il male non prevarrà”.

Consiglio per le relazioni americano-islamiche Offre anche una ricompensa di $ 10.000 L’organizzazione ha chiesto informazioni che portino all’arresto e alla condanna dei responsabili, definendo l’ondata di omicidi una “sparatoria brutale e odiosa”.

“Ringraziamo le forze dell’ordine locali, statali e federali per il loro continuo lavoro in questa crisi e chiediamo all’amministrazione Biden di garantire che le autorità dispongano di tutte le risorse necessarie per proteggere la comunità musulmana di Albuquerque e fermare i responsabili di questi crimini atroci. E vite innocenti si stanno perdendo”, ha dichiarato il vicedirettore nazionale del CAIR Edward Ahmed Mitchell.

Raja Razek e Christina Maksoris della CNN hanno contribuito a questo rapporto.