Russia e Ucraina raggiungono l’accordo sul grano: aggiornamenti in tempo reale

debito…Nicole Tung per il New York Times

Bruxelles –

L’accordo sul grano raggiunto da Russia e Ucraina ha così tante parti in movimento che i funzionari non pensavano nemmeno fosse possibile fino alla scorsa settimana perché la fiducia tra le parti è così bassa mentre la guerra continua.

Cosa sapere sul problema del grano e come risolverlo ora.

Perché il grano ucraino è bloccato nel paese?

Dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, ha stazionato navi da guerra al largo della costa ucraina del Mar Nero. L’Ucraina ha estratto quelle acque per impedire un attacco navale russo. Ciò significa che i porti utilizzati per esportare grano ucraino sono stati bloccati per le spedizioni commerciali. La Russia ha anche saccheggiato i granai, tagliando i campi di grano e distruggendo gli impianti di stoccaggio del grano in modo che non potessero essere raccolti.

debito…Tyler Hicks/The New York Times

Come funziona l’operazione?

I capitani ucraini scaricheranno le navi cariche di grano dai porti di Odessa, Yuzhne e Chornomorsk.

Utilizzando passaggi non tagliati, avrebbero pilotato le navi per scaricare nei porti turchi, dove il grano sarebbe stato poi spedito agli acquirenti di tutto il mondo.

Le navi di ritorno saranno ispezionate da un team di funzionari turchi, delle Nazioni Unite, ucraini e russi per assicurarsi che siano vuote e non trasportino armi in Ucraina, una richiesta chiave della Russia.

Un centro di comando congiunto con funzionari delle quattro parti sarà immediatamente istituito a Istanbul per monitorare ogni movimento delle flottiglie.

READ  Lo Starliner di Boeing è atterrato per la prima volta sulla Stazione Spaziale Internazionale

Le parti convengono che le navi e gli impianti portuali utilizzati per le loro operazioni devono essere protetti dalle ostilità.

La mossa dovrebbe consentire un rapido invio di cinque milioni di tonnellate di grano al mese. A questo ritmo, considerando che 2,5 milioni di tonnellate vengono già trasportate via terra e fiume verso gli alleati dell’Ucraina, una scorta di quasi 20 milioni di tonnellate dovrebbe essere sgomberata entro tre o quattro mesi. Ciò libererà spazio nelle strutture di stoccaggio per il nuovo raccolto già in corso in Ucraina.

Quali sono i rischi?

Non è stato negoziato un ampio armistizio, quindi le navi avrebbero navigato attraverso la zona di guerra. Attacchi vicino alle navi o ai porti che utilizzano potrebbero svelare il trattato. Un altro rischio è una violazione della fiducia o disaccordo tra gli ispettori e gli ufficiali di comando congiunti.

Il ruolo delle Nazioni Unite e della Turchia è mediare tali divergenze sul posto e monitorare e attuare l’accordo. L’accordo è valido per 120 giorni e sarà rinnovato, ha affermato l’ONU.

debito…Sergei Popok/Agence France-Presse – Getty Images

Risolverà immediatamente la fame nel mondo e abbasserà i prezzi dei generi alimentari?

No. La fame nel mondo è un problema persistente causato dalla scarsa distribuzione e manipolazione dei prezzi del cibo, che colpisce parti del mondo anno dopo anno. È spesso aggravato da conflitti e influenzato dai cambiamenti climatici. La guerra in Ucraina, che produce la maggior parte del grano mondiale, ha gravato pesantemente sulle reti di approvvigionamento di grano, facendo salire i prezzi e alimentando la fame.

READ  Giants-Patriots, settimana di preseason 1: copertura in diretta

I funzionari affermano che l’accordo consentirà alla Somalia di aumentare le forniture di grano in poche settimane, evitare la carestia e portare a un graduale calo dei prezzi globali dei cereali. Ma data la fragilità dell’accordo, è improbabile che i mercati dei cereali tornino alla normalità in tempi brevi.

Cosa ci guadagna per la Russia?

La Russia è anche un importante esportatore di cereali e fertilizzanti e l’accordo dovrebbe facilitarlo Questi prodotti dovrebbero essere venduti nel mercato mondiale.

Il Cremlino ha ripetutamente affermato di non poter esportare le sue azioni a causa delle sanzioni imposte da USA e UE.

Le misure in realtà non riguardano tali beni, ma le compagnie di navigazione private, gli assicuratori, le banche e altre imprese sono riluttanti ad aiutare ad esportare grano e fertilizzanti in Russia. Fare affari con la Russia danneggerà la loro reputazione.

In modo rassicurante, giovedì l’Unione Europea ha rilasciato una spiegazione legale per le sue sanzioni, affermando che le varie banche e altre società coinvolte nel commercio di cereali non erano state effettivamente bandite.

Armato di impegni simili da parte degli Stati Uniti, ha negoziato con il settore privato e le Nazioni Unite hanno affermato che avrebbero dovuto accelerare il passo dalla Russia, in particolare dal porto russo di Novorossijsk.