Missile nordcoreano atterra per la prima volta nelle acque sudcoreane


Seul, Corea del Sud
CNN

Corea del nord Funzionari sudcoreani hanno dichiarato mercoledì di aver lanciato almeno 10 missili a est e ad ovest della penisola coreana, incluso uno che è atterrato vicino alle acque sudcoreane per la prima volta dalla scissione del 1945.

Il Joint Chiefs of Staff (JCS) di Seoul ha affermato che un missile balistico a corto raggio è atterrato in acque internazionali a 167 chilometri (104 miglia) a nord-ovest dell’isola di Ulyeong in Corea del Sud, a circa 26 chilometri a sud della Northern Limit Line (NLL). La Corea del Nord non riconosce il confine marittimo coreano.

Un funzionario della difesa sudcoreano ha affermato che i missili sono caduti nel Mar Giallo, noto come Mare occidentale della Corea, a ovest della penisola e nel Mar del Giappone, noto come Mare dell’Est, a est.

Avviso di raid aereo L’isola di Ulleung, situata a 120 chilometri a est della penisola, è stata sollevata intorno alle 14:00 ora locale di mercoledì. Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha affermato che il test nordcoreano è stata “un’effettiva invasione territoriale”.

In una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza nazionale (NSC), Yoon “ha ordinato una rapida risposta alle provocazioni della Corea del Nord per pagare un prezzo chiaro”, secondo l’ufficio presidenziale sudcoreano.

Per rappresaglia immediata, mercoledì mattina la Corea del Sud ha lanciato tre missili aria-aria da caccia F-15K e KF-16, secondo il JCS.

Il JCS ha affermato che l’aeronautica sudcoreana ha preso di mira le acque internazionali a nord dell’NLL, all’incirca alla stessa distanza in cui il missile è atterrato a sud della linea missilistica nordcoreana.

READ  L'ascesa dei dinosauri è segnata dall'adattamento al freddo Dinosauri

“L’attacco di precisione del nostro esercito dimostra la nostra volontà di rispondere in modo deciso a qualsiasi provocazione nordcoreana, incluso un missile balistico a corto raggio, e la nostra capacità e prontezza nel prendere di mira con precisione il nemico”, ha affermato il JCS.

Il JCS ha aggiunto che la Corea del Nord ha la “piena responsabilità” per la situazione che continua a provocare nonostante gli avvertimenti.

Il lancio di mercoledì è stato il 29esimo della Corea del Nord quest’anno, secondo la CNN.

Il Accelerazione aggressiva Il test sulle armi ha sollevato allarme nella regione, con USA, Corea del Sud e Giappone che hanno reagito con lanci di missili ed esercitazioni militari congiunte.

Lunedì, gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno iniziato un’esercitazione militare su larga scala precedentemente pianificata chiamata “Vigilant Storm”.

Le manovre hanno coinvolto 240 aerei di entrambi i paesi e “migliaia di membri del servizio”, secondo il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti.

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin incontrerà giovedì il primo ministro sudcoreano Lee Jong-sup al Pentagono.

Esperti in precedenza avevano detto alla Galileus Web che la deliberata esibizione dell’arsenale del paese da parte del leader nordcoreano Kim Jong Un potrebbe inviare un messaggio in un momento di accresciuto conflitto globale.

Il mese scorso, i media statali nordcoreani hanno rotto un silenzio di sei mesi sui test missilistici quest’anno, dicendo che avrebbero dimostrato la disponibilità di Pyongyang a sparare armi nucleari tattiche contro potenziali obiettivi nel sud.

Gli ultimi test arrivano dopo che il capo dell’organismo di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite ha avvertito la scorsa settimana che Pyongyang potrebbe prepararsi per un test nucleare – il primo dal 2017 – poiché le immagini satellitari hanno mostrato attività nel suo sito sotterraneo di test nucleari.

READ  I futures su azioni scendono dopo che l'S&P 500 ha raggiunto il nuovo minimo dell'anno; I rendimenti dei Treasury a 10 anni sono brevemente sopra il 4%

“Lo stiamo seguendo molto, molto da vicino. Speriamo che non accada, ma sfortunatamente i segnali stanno andando nella direzione opposta”, ha detto giovedì scorso il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica Rafael Croci.

Il leader nordcoreano Kim Jong Un ha intensificato i test missilistici quest'anno.

Parlando mercoledì, il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha detto ai giornalisti che la Corea del Nord stava lanciando missili con “frequenza senza precedenti”.

Kishida ha anche chiesto una riunione anticipata del Consiglio di sicurezza nazionale a causa delle crescenti tensioni nella penisola coreana.

Mercoledì scorso, il ministro della Difesa giapponese Yaukazu Hamada ha dichiarato che la Corea del Nord ha lanciato almeno due missili e si stima che entrambi siano caduti al di fuori della Zona Economica Esclusiva (ZEE) del Giappone.

Ha detto che in quel momento non ci sono stati danni ad aerei o navi, aggiungendo che i missili balistici potrebbero aver volato su una traiettoria irregolare.