La SEC considera la regola della divulgazione del clima

Per la prima volta, la Securities and Exchange Commission ha chiesto alle società pubbliche di raccontare ai loro partner e al governo federale come influiscono sul clima, una proposta importante che è stata a lungo ricercata dagli avvocati ambientali.

Il principale regolatore finanziario del paese ha dato la sua approvazione iniziale alla tanto attesa regola sulla divulgazione del clima nella sua riunione di lunedì, avanzando con una mossa per migliorare l’agenda ambientale stagnante dell’amministrazione Biden.

La norma proposta – approvata con un voto di 3 a 1 – mira a fornire agli investitori un quadro chiaro dei rischi per le aziende derivanti dai cambiamenti climatici, come disastri come siccità e incendi, cambiamenti nelle politiche ambientali del governo o calo dell’interesse dei consumatori. Tra i prodotti che contribuiscono al riscaldamento globale.

Ma le conseguenze potrebbero essere ancora più vaste: i sostenitori dell’ambiente e della governance aziendale hanno affermato che la trasparenza della norma dovrebbe ritenere le aziende responsabili del loro ruolo nei cambiamenti climatici e influenzare ulteriormente gli investitori nel forzare cambiamenti nelle pratiche commerciali che contribuiscono al riscaldamento globale. .

“Consente a tutte le parti interessate, inclusi gli azionisti, di motivare le aziende a intraprendere un’azione reale”, ha affermato Bill Weil, ex Green Energy Jar di Google e direttore della sostenibilità di Facebook. I dipendenti devono fare pressione sull’azione per il clima.

Al pubblico possono essere concessi fino a 60 giorni per commentare il piano, che, se implementato, istituirà un quadro di rendicontazione affinché le aziende forniscano informazioni sui rischi legati al clima nei loro rapporti annuali e registri azionari.

Ma la proposta ha già suscitato l’opposizione di alcuni gruppi imprenditoriali e potrebbe essere impugnata in tribunale, il che potrebbe ritardarne la data di attuazione. La maggior parte delle critiche sono incentrate sulla misura in cui i dati relativi alle emissioni sono soggetti alla giurisdizione della SEC.

Una pietra angolare delle regole della SEC è che gli investitori sono tenuti a divulgare informazioni “obiettive”, ovvero devono prendere una decisione informata sull’acquisto o sulla vendita di un’azione.

Il rappresentante della Carolina del Nord Patrick D. Snyder, classifica repubblicana nel Comitato per i servizi finanziari della Camera McHenry ha definito il piano “tono e fuorviante” e ha affermato che il rischio climatico non era un problema materiale per la maggior parte delle aziende.

READ  La Russia occupa l'Ucraina, si riunisce l'Assemblea Generale dell'Onu

“L’amministrazione Biden sta spingendo la sua agenda sul clima attraverso i regolatori finanziari perché non hanno i voti per implementarla al Congresso”, ha affermato.

Ma molte aziende hanno già iniziato a rilasciare informazioni sulle loro emissioni di gas serra; La SEC stima che un terzo dei 7.000 rapporti annuali aziendali esaminati nel 2019 e nel 2020 abbia rivelato un impatto sul clima. Il senatore Jack Reid del Rhode Island, un democratico, ha affermato che la norma proposta semplificherebbe il processo.

“Le società quotate in borsa non possono più segnalare il clima Cherry-Big e gli investitori avranno un’idea migliore di cosa sia l’esposizione al clima materiale”, ha affermato.

I regolatori hanno detto che la regola entra in vigore Guida pubblicata dalla SEC nel 2010 Per le aziende che pubblicano informazioni sui cambiamenti climatici. La SEC ha fatto quel passo nello stesso momento in cui l’Agenzia per la protezione ambientale ha iniziato a richiedere ad alcune grandi aziende di compilare dati sulle emissioni di gas serra.

“Per generazioni, la SEC è intervenuta quando c’era una significativa necessità di rilasciare informazioni relative alle decisioni degli investitori”, ha affermato il presidente della commissione Gary Zensler in una nota. E gli investitori stanno spingendo per tali informazioni, ha detto.

“Gli investitori con 130 trilioni di dollari di asset in gestione chiedono alle aziende di rivelare i loro rischi climatici”, ha affermato. ha detto Jensler.

La Camera di Commercio degli Stati Uniti, un gruppo di campagna d’affari, ha affermato di sostenere ampiamente l’obiettivo di esposizione al clima delle aziende, ma di volere una regola “chiara e praticabile”.

“Discuteremo contro i termini di questa proposta, che deviano da tale standard o sono inutilmente ampi”, ha affermato Tom Quadman.

In una discussione con gli investitori dopo il voto della commissione, il sig. Zensler ha affermato che la SEC prenderà seriamente in considerazione le opinioni di società, investitori e comunità legale prima di emanare la regola di divulgazione. “Ci aspettiamo un feedback pubblico”, ha detto.

Alcune aziende – tra cui Apple, Facebook, Google e Microsoft – hanno già riportato dati dettagliati e fissato una scadenza che avrà complessivamente zero emissioni di carbonio. Ma la norma proposta, che copre oltre 500 pagine, creerebbe un quadro per tutte le imprese pubbliche.

READ  Il governatore della Florida ha firmato un disegno di legge che limita l'istruzione LGBTQ nelle scuole

Le aziende devono analizzare il loro impatto sul clima in tre fasi: a Analisi coerente Con il modo in cui gli scienziati considerano l’impatto ambientale delle attività commerciali.

Nelle prime due fasi, le aziende sono tenute a pubblicare annualmente l’impatto diretto delle proprie attività sui cambiamenti climatici in base ai prodotti che realizzano e agli eventuali effetti indiretti sull’ambiente causati dall’uso di elettricità, camion o altri veicoli.

Il terzo livello è il più completo e cosiddetto carbon track dei fornitori, che include i viaggi d’affari e la valutazione dei beni che un’azienda noleggia. La proposta della SEC dovrebbe solo riportare questo livello di impatto climatico – noto come emissioni di Scope 3 – ma consentirebbe alle singole aziende di determinare le informazioni necessarie agli investitori.

L’esposizione alle emissioni di Scope 3, che coinvolge principalmente gas o attività più accidentali generate dai fornitori delle aziende, spesso fa impallidire le altre due tipologie. Nella maggior parte dei casi non ci sarà bisogno di grandi aziende per almeno due anni.

Le grandi aziende che segnalano le emissioni di Scope 3 sono note come fornitori di porti sicuri da azioni legali di investitori che ritengono che ci sia un difetto nell’analisi delle aziende. La SEC ha scelto accordi di porto sicuro perché le emissioni di Scope 3 sarebbero più complesse da analizzare e compilare.

Todd Phillips, direttore della regolamentazione finanziaria e della governance aziendale presso il Center for Advancement degli Stati Uniti, ha affermato di avere ancora alcune domande su come il destino avrebbe affrontato le emissioni di Scope 3. Ma ha detto che la norma proposta darebbe agli investitori “l’accesso a importanti informazioni necessarie per prendere decisioni di investimento introduttive”.

Quando commissionare Detto l’anno scorso Il pubblico è stato invitato a presentare commenti, valutando se proporre regole climatiche. In uno studio sulle lettere di Ceres, un gruppo no-profit che lavora con investitori e aziende per affrontare le sfide ambientali, il 65% delle società presentate da società di investimento ha chiesto l’inclusione delle emissioni Scope 3.

È probabile che alcuni dirigenti aziendali apprezzeranno la regola proposta perché ritengono che l’esposizione climatica standardizzata renderà più facile per le aziende confrontare gli sforzi ambientali.

READ  Il direttore della fotografia di Fox News Pierre Zakhorshevsky e la giornalista ucraina Oleksandra Kuvshinova sono stati uccisi vicino a Kiev

Microsoft, ad esempio, ha scritto una lettera a sostegno della pressione climatica della Commissione. Le grandi aziende tecnologiche si sono dimostrate leader nell’allontanarsi dai combustibili fossili, ma stanno anche affrontando il vento opposto: Microsoft è “carbon negative” entro il 2030. Rapporto recente sull’aumento delle emissioni. Poiché la società ha sviluppato nuovi data center e aumentato l’utilizzo di Xbox durante le epidemie, questo aumento è stato determinato quasi interamente dall’aumento delle emissioni di Scope 3.

I sostenitori dell’ambiente ritengono che le regole di cui le aziende hanno bisogno per misurare e promuovere le loro emissioni di gas serra incoraggeranno le aziende ad adottare misure più drastiche per mitigare il loro impatto sul clima.

“C’è un vecchio detto nel mondo degli affari: ciò che viene misurato viene gestito”, Mr. disse Reed, senatore del Rhode Island.

Sia il Sierra Club che il Fondo per la protezione ambientale hanno elogiato la norma proposta e hanno affermato che dovrebbe essere adottata rapidamente. Ben Cushing, che guida la campagna del Sierra Club per una forte esposizione alle intemperie, ha detto che il destino è “troppo tardi”.

“Le aziende si impegnano a mitigare il proprio impatto climatico senza rivelare l’intera portata delle proprie emissioni, i rischi che le proprie attività devono affrontare a causa dei cambiamenti climatici o i relativi piani aziendali per mantenere le promesse sul clima”, ha affermato.

Se la norma diventa definitiva, sarà una vittoria significativa per l’amministrazione Biden, che ha lottato per attuare la sua più ampia agenda sul clima. I limitati progressi compiuti attraverso una legislazione incentrata sulle emissioni ha lasciato la regolamentazione finanziaria uno degli strumenti chiave per cambiare il comportamento delle aziende con il peggioramento del cambiamento climatico.

La scorsa settimana, Sarah Bloom Ruskin, una delle candidature del management di Biden per la Federal Reserve, si è ritirata dalla revisione a causa dell’opposizione di gruppi imprenditoriali e repubblicani. . Il senatore Joe Mancini III del Partito Democratico del West Virginia si è astenuto dopo aver detto che non avrebbe votato per confermarlo.

Christopher Flowwell Rapporto contribuito.