La Francia invia la polizia a Kiev per indagare sui crimini di guerra

Lunedì i ministri degli esteri dell’UE hanno discusso degli sforzi del campo per comprimere l’economia russa con sanzioni, inclusa la possibilità di sanzioni energetiche, ma non è stata presa alcuna decisione.

“Non c’è nulla sul tavolo, comprese le sanzioni su petrolio e gas”, ha detto il capo della politica estera dell’UE Joseph Borel dopo un incontro a Lussemburgo. Ma oggi nessuna decisione è stata presa.

L’Unione Europea venerdì scorso ha approvato un quinto embargo contro la Russia, compreso il primo embargo significativo sulle importazioni di energia della Russia: il carbone. Tuttavia, la federazione è profondamente divisa sull’opportunità di iniziare con il petrolio e andare avanti con ulteriori restrizioni all’importazione di energia.

Un alto funzionario dell’UE nei colloqui di lunedì ha affermato che lunedì c’è stata una discussione poco dettagliata sulle opzioni e che non sono stati compiuti progressi nel colmare il divario all’interno della coalizione. Un gruppo guidato dalla Germania si oppone allo stop alle importazioni di petrolio. Altri, guidati dalla Polonia, stanno esortando il campo a smettere di acquistare energia russa.

Ha descritto lo “shock asimmetrico” per cui ulteriori sanzioni energetiche sarebbero state imposte ad alcuni paesi che dipendono fortemente dal petrolio e dal gas russi. Borel ha notato. “Dovrebbe essere gestito combinando unità e solidarietà”, ha affermato.

Funzionari dell’UE affermano che potrebbero essere necessarie diverse settimane prima che la Commissione europea presenti una proposta per un nuovo round di sanzioni, anche se il tempo dipenderà alla fine da ciò che accadrà in Ucraina.

I ministri degli Esteri hanno incontrato lunedì mattina Karim Khan, un avvocato presso la Corte penale internazionale del Lussemburgo, per discutere gli sforzi per indagare su possibili crimini di guerra in Ucraina.

READ  Il Primo Ministro della Giamaica afferma che la nazione insulare dei Royals britannici vuole essere indipendente

Diversi Stati membri, compreso il ministro degli Esteri svedese, hanno annunciato lunedì di essere pronti a finanziare il lavoro della CPI. Borel ha inoltre affermato che la missione dell’UE in Ucraina aiuterebbe le autorità a raccogliere prove di crimini di guerra. L’UE ha riaperto le sue operazioni a Kiev lo scorso fine settimana.

Una squadra speciale della polizia francese specializzata in medicina legale è già arrivata in Ucraina per indagare sui crimini di guerra.