La Corte Suprema afferma che il comitato della Camera del 6 gennaio può ottenere i record del telefono e dei messaggi di testo di Kelly Ward



CNN

Corte Suprema Lunedì guidato Per il comitato ristretto della Camera che indaga sull’attacco del 6 gennaio alla capitale degli Stati Uniti per ottenere i record del telefono e dei messaggi di testo della presidente del Partito Repubblicano dell’Arizona Kelly Ward.

Wards ha servito come elettori fittizi per Donald Trump in Arizona, uno degli stati che l’ex presidente ha perso, ma i repubblicani si sono mobilitati per schierare elettori pro-Trump.

Ward ha sostenuto che la citazione era troppo invadente e ha violato i suoi diritti del Primo Emendamento, esponendo i legami politici. La giuria ha anche chiesto la testimonianza di Ward. Ha invocato i suoi diritti del Quinto Emendamento durante la deposizione.

I giudici, che hanno respinto la richiesta di Ward di bloccare la citazione, hanno revocato in precedenza un ordine temporaneo di Elena Kagan, che sovrintende alla corte d’appello che si è pronunciata sul caso.

Giudici Clarence Tommaso E Samuele Alito La corte ha ritenuto che avrebbe dovuto accettare di resistere alla citazione.

La mossa è l’ultima controversia davanti al tribunale di tendenza conservatrice il 6 gennaio. Lo scorso gennaio, l’Alta corte ha consentito al comitato di rilasciare i documenti presidenziali della Casa Bianca di Trump. Solo Thomas ha votato per Trump.

La citazione della House Select Committee ordina a T-Mobile USA, Inc. di rilasciare i record delle chiamate dal telefono di Ward per il periodo compreso tra il 1 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021. Un elettore per Trump.

I record non contengono informazioni sul contenuto o sulla posizione. Un giudice del tribunale distrettuale si è pronunciato contro Ward e la 9a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti Confermato.

“La citazione è sostanzialmente correlata alla preoccupazione principale del governo nell’indagare sulle cause dell’attacco del 6 gennaio e nel proteggere le future elezioni da minacce simili”, ha affermato la corte d’appello.

“L’indagine non riguarda la politica di Ward; Si occupa del suo coinvolgimento negli eventi che hanno portato all’attacco del 6 gennaio e cerca di scoprire con chi è entrato in contatto in relazione a quegli eventi”, ha aggiunto la corte d’appello. “Alcuni degli individui contattati da Ward potrebbero essere membri di un partito politico e la citazione non ha stabilito che ‘probabilmente avrebbero divulgato informazioni sensibili’. [the party’s] Soci e sostenitori”.

In Domanda urgente Nel deposito con Kagan, gli avvocati di Ward hanno affermato che il caso era “senza precedenti”, sostenendo che aveva “profonde implicazioni precedenti per le future indagini del Congresso e i diritti di associazione politica ai sensi del Primo Emendamento”.

Se il telefono e i messaggi di testo di Ward vengono rivelati, hanno aggiunto: “Gli investigatori del Congresso contatteranno ogni persona che ha avuto contatti con Ward durante e dopo la frenesia elettorale del 2020”.

In risposta, gli avvocati del Board of Selectmen hanno cercato i tabulati telefonici perché Ward era al centro di diversi tentativi di minare il voto popolare, aiutando il “tentativo di colpo di stato”.

“Questi documenti fanno luce su come il dottor Ward abbia contribuito alla transizione pacifica del potere e allo sforzo in più parti per interrompere l’attacco alla capitale degli Stati Uniti”, hanno scritto i pubblici ministeri.

House ha osservato che Ward ha detto ai funzionari dell’Arizona di interrompere il conteggio dei voti dopo le elezioni del 2020; Ha incoraggiato i funzionari locali a contattare l’avvocato di Trump, Sidney Powell; Tentativo di organizzare una telefonata tra Trump e il presidente del consiglio dei supervisori della contea di Maricopa; Era uno del gruppo che ha inviato falsi voti elettorali a Trump al Congresso.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

READ  Biden lascia improvvisamente il DC Gala dopo che l'irlandese Taoiseach è risultato positivo a Kovit