La Cina si muove sulle azioni, gli asset mentre l’allarme della Fed si calma

  • Waller della Fed riduce il CPI a un solo numero
  • Pechino offre supporto per la proprietà, Covid Steps
  • Biden incontra Xi alla riunione del G20

Sydney/Londra, nov. 14 (Reuters) – Le azioni cinesi hanno guadagnato grazie al sostegno al settore immobiliare del Paese dopo che il banchiere centrale statunitense ha avvertito gli investitori di non lasciarsi trasportare da un solo numero di inflazione. .

Una modesta mancanza di inflazione negli Stati Uniti è stata sufficiente per vedere il dollaro perdere quasi il 4% sui Treasury a due anni, in calo di 33 punti base per la settimana — il quarto più grande calo settimanale dall’era dei tassi di cambio fluttuanti iniziata 50 anni fa.

Tuttavia, la Federal Reserve non ha accolto con favore il conseguente allentamento delle condizioni finanziarie statunitensi, ha affermato domenica il governatore Christopher Waller, aggiungendo che sarebbero necessari rapporti più morbidi per convincere la banca a staccare il piede dai freni.

Waller ha affermato che i mercati stanno superando se stessi sull’asse dell’inflazione, anche se ha riconosciuto che la Fed potrebbe ora iniziare a pensare a un’escursione a un ritmo più lento.

I future scommettono fortemente su un aumento del tasso di mezzo punto a dicembre al 4,25-4,5%, quindi due quarti di punto per raggiungere il picco nell’intervallo 4,75-5,0%.

Il rendimento a due anni è sceso al 4,39% dopo un profondo calo al 4,29% venerdì.

“La sorpresa negativa dell’IPC è coerente con un’ampia gamma di indicatori che indicano un rallentamento dell’inflazione globale, che potrebbe incoraggiare una moderazione del ritmo di inasprimento della politica monetaria presso la Fed e altrove”, ha affermato Bruce Gassman, responsabile della ricerca economica presso JP Morgana.

READ  2022 MLB Home Run Derby: canale TV, ora, live streaming, come guardare online, partecipanti, parentesi, quote

“Questo messaggio positivo dovrebbe essere mitigato dal riconoscimento che una riduzione dell’inflazione significa che le banche centrali saranno troppo basse per dichiarare che il lavoro è terminato e che è probabile un ulteriore inasprimento”.

Il principale indice STOXX europeo è salito dello 0,37% (.STOXX)e il più ampio indice MSCI di azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Ha aggiunto lo 0,73%, dopo essere aumentato del 7,7% la scorsa settimana.

I futures S&P e-mini sono scesi dello 0,26%, con l’apertura dei mercati statunitensi in ribasso.

Occhio alla Cina

I dealer stavano anche aspettando di vedere se le azioni cinesi potessero estendere il loro grande rally, con restrizioni che spingevano le istituzioni finanziarie a fornire maggiore supporto agli sviluppatori immobiliari stressati. leggi di più

Indice immobiliare cinese (.CSI000952) Aumento della risposta del 3,5%. Chip blu (.CSI300) L’aumento dell’1% è stato aiutato da diversi cambiamenti nelle restrizioni Covid in Cina, poiché il paese ha segnalato più casi durante il fine settimana. leggi di più

“È difficile vedere le notizie sul caso come negative dal punto di vista economico, ma è un segno di slancio e i mercati stanno felicemente abbracciando la strategia zero covid”, ha affermato Ray Adrill, capo della strategia FX. Al NAB.

Il sostegno al settore immobiliare cinese, che consuma la maggior parte dei metalli, ha portato il rame ai massimi degli ultimi cinque mesi. Il rame a tre mesi sul London Metal Exchange (LME) è aumentato dello 0,3% a $ 8.519 la tonnellata entro le 0725 GMT.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden incontrerà di persona il presidente cinese Xi Jinping lunedì per la prima volta da quando è entrato in carica, tra le preoccupazioni degli Stati Uniti sulla guerra della Russia a Taiwan, l’Ucraina e le ambizioni nucleari della Corea del Nord.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la guerra della Russia in Ucraina

La notizia delle regole del Covid ha innescato un rimbalzo di copertura corta dello yuan, aggiungendo una pressione più ampia sul dollaro con il calo dei rendimenti. Lo yuan si è rafforzato dell’1,4% lunedì, la più grande mossa del genere dal 2005.

L’indice del dollaro è sceso di una frazione al ribasso a 106,69 lunedì, ancora al di sotto del massimo della scorsa settimana di 111,280.

L’euro è sceso leggermente a $ 1,0308 dopo essere aumentato del 3,9% la scorsa settimana, mentre il dollaro si è rafforzato a 139,56 yen dopo il calo del 5,4% della scorsa settimana.

Il dollaro ha perso contro il franco svizzero in parte a causa degli avvertimenti della Banca nazionale svizzera che avrebbe utilizzato tassi e acquisti di valuta per controllare l’inflazione.

La sterlina è tornata a $ 1,1755 prima della dichiarazione autunnale del cancelliere britannico giovedì, dove dovrebbe stabilire aumenti delle tasse e tagli alla spesa.

Le criptovalute erano sotto pressione poiché almeno $ 1 miliardo di fondi dei clienti sarebbe scomparso dal crollo dell’exchange di criptovalute FTX.

Bitcoin ha perso quasi il 22% la scorsa settimana per recuperare il 2,9% a $ 16.785.

Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi, in flessione ai guadagni precedenti, dopo che le speranze di un aumento della domanda cinese sono state compensate da un dollaro USA più solido. I future sul greggio Brent sono scesi di 32 centesimi, o dello 0,3%, a $ 95,67 al barile entro le 0725 GMT dopo essere aumentati dell’1,1% venerdì.

Reportage di Wayne Cole e Lawrence White; Montaggio di Sri Navaratnam, Kenneth Maxwell, William McLean

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  Il Dow sale di oltre 200 punti mentre Wall Street cerca di aumentare il rally della scorsa settimana