Il giudice respinge la causa di Trump contro Hillary Clinton per le elezioni del 2016

Un giudice federale della Florida ha respinto la causa di Donald Trump contro l’ex presidente Hillary Clinton, affermando che non vi è alcuna base per le accuse secondo cui l’ex presidente Clinton ei suoi alleati sono collusi con la Russia per diffondere disinformazione per danneggiare la sua campagna. Durante la corsa presidenziale 2016.

Trump “sta cercando di pubblicare un manifesto politico di duecento pagine che delinei le sue lamentele contro i suoi oppositori, e questa corte non è il forum appropriato”, ha affermato il giudice Donald M. Middlebrooks ha scritto in un cupo 65. – Pagina del giudizio datata giovedì. Il giudice ha anche scritto “dell’audacia delle teorie legali dell’attore e del modo in cui violano chiaramente la prescrizione”.

Middlebrooks ha notato “evidenti difetti strutturali nell’argomentazione dell’attore” e ha affermato che “tali memorie sono uno spreco di risorse giudiziarie e una forma inaccettabile per stabilire una richiesta di risarcimento”.

Il caso Trump, depositato a marzo, ha preso di mira Clinton e un gruppo di alleati democratici, tra cui l’ex spia britannica Christopher Steele, che è stato assunto da una società di ricerca dell’opposizione che lavorava per la campagna di Clinton e che ha compilato l’ormai famigerato dossier in cui si affermava i legami tra Trump e la Russia. La causa di Trump affermava di aver speso più di 24 milioni di dollari per difendersi dalle accuse e di aver chiesto un risarcimento tre volte superiore a tale importo.

Più di due dozzine di organizzazioni e individui sono stati nominati nella causa, incluso il Comitato Nazionale Democratico, che ha rivendicato la presidenza più di cinque anni dopo che Trump ha sconfitto Clinton.

READ  Dai un'occhiata al test freelance finale del razzo Artemis Moon

La causa ha affermato che gli imputati hanno falsificato prove, ingannato le forze dell’ordine e hanno approfittato dell’accesso a fonti di dati altamente sensibili.

“La denuncia modificata manca di sostanza e supporto legale, è lunga, sopravvalutata e cerca di essere modificata con marchi e lamentele”, ha scritto Middlebrooks.

Sentenza A successo Clinton, che ad aprile ha chiesto al giudice di archiviare il caso, ha dichiarato: “Se la denuncia del querelante è uno strumento di raccolta fondi, un comunicato stampa o un elenco di rimostranze politiche, non ha fondamento. sarà respinto con pregiudizio”.

In tal modo, Middlebrooks ha criticato la qualità del lavoro legale fornito dagli avvocati di Trump.

“Molte delle caratterizzazioni degli eventi nella denuncia modificata non sono convincenti perché mancano di accuse specifiche che potrebbero fornire un supporto fattuale per le conclusioni raggiunte”, ha scritto Middlebrooks.

L’ex direttore dell’FBI James P. Comey, alti funzionari dell’agenzia e l’allora vice procuratore generale Rod J. Il giudice ha citato come esempio l’affermazione della causa secondo cui Rosenstein aveva “preso di mira con zelo” Trump e la sua campagna nominando un legale speciale e un procuratore speciale per indagare sul ruolo. La Russia ha giocato alle elezioni del 2016.

Gli avvocati di Trump hanno presentato citazioni per rafforzare il loro caso, che il giudice ha scritto semplicemente non erano vere. La causa sostiene che Clinton e alti funzionari della campagna elettorale hanno concepito ed eseguito una cospirazione contro Trump e hanno nascosto il loro coinvolgimento “dietro un muro di terze parti”.

“Mi sono rivolto alla pagina 96 del rapporto dell’ispettore generale in cerca di supporto per la conclusione e la dichiarazione degli argomenti dell’attore, ma non ne ho trovati”, ha scritto il giudice. Gli avvocati di Trump non erano d’accordo con la dichiarazione, ha scritto Middlebrooks, “ma non possono interpretarla erroneamente come un appello”.

READ  La ricerca dell'FBI della proprietà di Trump in Florida: perché ora?

L’avvocato di Trump, Alina Habiba, ha dichiarato in una dichiarazione che i suoi avvocati “non sono d’accordo con veemenza” con la sentenza, dicendo che era “piena di applicazioni errate della legge”. Habiba ha detto che farà ricorso contro il verdetto.

Dopo due anni di indagine, l’ex consigliere speciale Robert S. Sebbene Trump abbia ripetutamente affermato di essere stato esonerato da Mueller III, nel 2019 Mueller ha detto solo alla sua squadra. Nessuna decisione è stata presa Non ci sono prove sufficienti per accusare qualsiasi membro della “collusione” e della campagna di Trump di associazione a delinquere.

Diversi associati di Trump si sono dichiarati colpevoli di accuse relative alla campagna del 2016 e alla Russia, inclusa la cospirazione federale o la menzogna all’FBI.

e A Rapporto 2020 della Commissione Intelligence del Senato La campagna di Trump del 2016 si è presentata come una minaccia di controspionaggio attraverso contatti significativi con la Russia e l’impegno a nascondere l’intera portata del suo comportamento.

Il caso di Trump si concentra anche sul lavoro di Michael Sussman, che ha lavorato per conto della campagna di Clinton e ha cercato di convincere l’FBI a indagare su possibili collegamenti informatici tra il server della Trump Organization e un istituto finanziario russo chiamato Alfa Bank.

Ma la causa non ha menzionato che Sussman è stato assolto dall’accusa in un caso separato, ha scritto Middlebrooks. Nel presentare la loro causa, Middlebrooks ha affermato che gli avvocati di Trump hanno “certificato in tribunale” che, per quanto ne sanno, le loro argomentazioni sono legalmente valide e non frivole. “Ho seri dubbi sul fatto che questo standard sia soddisfatto qui”, ha scritto il giudice.

READ  Ezra Miller cerca di salvare The Flash in un incontro con la Warner Bros. - The Hollywood Reporter

Per quanto riguarda Steele, Middlebrooks ha scritto che, nonostante i numerosi riferimenti a lui nella causa di Trump, “non attribuisce specificamente false dichiarazioni al querelante”.

Successivamente, il giudice ha ripreso quello che ha affermato essere il serio tentativo del caso di criminalizzare le critiche a Trump: “È illegale opporsi politicamente all’attore, non amare l’attore o impegnarsi in discorsi politici in una luce negativa sull’attore. “

Middlebrooks ha anche evidenziato la differenza tra opporsi a Trump e danneggiarlo: “L’opposizione alla campagna presidenziale del querelante non si traduce in una perdita monetaria. Le dichiarazioni alle forze dell’ordine o i commenti fatti in una campagna politica non hanno lo scopo di indurre altri a non associarsi con l’attore o la sua attività o causare perdite finanziarie dirette o imminenti.

“Inoltre, molte delle affermazioni che l’attore caratterizza come falsità dannose si qualificano come discorsi chiaramente protetti dal Primo Emendamento”, ha affermato in seguito.