Il DOJ rilascia l’affidavit del mandato di ricerca di Mar-a-Lago redatto

Una pubblicazione Dichiarazione giurata modificata L’ottenimento da parte del Dipartimento di Giustizia di un mandato di perquisizione per la casa di Mar-a-Lago dell’ex presidente Donald Trump ha gettato nuova luce sull’indagine federale sulla sua gestione dei documenti dalla Casa Bianca.

Ecco quelli Da asporto chiave Dal documento appena pubblicato:

L’FBI ha affermato che potrebbero esserci “prove di ostruzione” e documenti di sicurezza classificati

Oltre a spiegare al giudice del magistrato statunitense Bruce Reinhart che aveva “probabili motivi per credere” che il materiale classificato della sicurezza nazionale fosse stato erroneamente trasportato nelle località “non autorizzate” di Trump, l’FBI ha affermato che la ricerca potrebbe rivelare “prove di ostruzione”. Un luogo di piacere.

All’inizio di quest’anno, l’FBI ha trovato 184 documenti classificati da 15 scatole

A maggio, quando l’FBI ha esaminato 15 scatole recuperate dagli archivi nazionali da un resort della Florida a gennaio, “ha scoperto che 184 documenti unici erano classificati”, affermava la dichiarazione giurata.

Tra i documenti, il deposito afferma: “67 documenti sono stati contrassegnati come riservati, 92 documenti sono stati contrassegnati come riservati e 25 documenti sono stati contrassegnati come top secret”.

Nuovi dettagli su come il Dipartimento di Giustizia sia stato coinvolto per la prima volta nel pasticcio dei documenti

L’indagine dell’FBI è iniziata dopo una soffiata criminale degli archivi nazionali datata 9 febbraio, secondo la quale gli archivi contenevano “numerosi documenti riservati” nelle scatole.

Il funzionario dell’archivio ha affermato che c’era “una significativa preoccupazione” che “documenti altamente classificati fossero mescolati con altri record” e non fossero stati identificati correttamente.

Gli emendamenti mantengono riservate le prove del divieto per ora

READ  Russia e Ucraina raggiungono l'accordo sul grano: aggiornamenti in tempo reale

Un terzo potenziale reato citato dal materiale di fideiussione – il divieto – manca di un corrispondente sottotitolo non modificato nell’affidavit. L’FBI avrebbe dovuto fornire alla corte una spiegazione del motivo per cui riteneva che Mar-a-Lago contenesse prove del crimine, quindi l’assenza di dettagli non oscurati su tali prove suggerisce che una parte del dipartimento è particolarmente sensibile. Quell’aspetto della sua indagine è stato reso pubblico.

Jeremy Herb e Katelyn Pollenst della CNN hanno contribuito a questo rapporto.