Il Costa Rica ha rotto con l’establishment ed ha eletto presidente Maverick Chavez

SAN JOSE, 3 aprile (Reuters) – L’economista anti-establishment Rodrigo Chavez ha assunto domenica la presidenza del Costa Rica, promuovendo decenni di consenso politico in un paese centroamericano alle prese con il crescente malcontento sociale e l’aumento del debito nazionale.

Chavez, un ex funzionario di alto livello della Banca Mondiale, avrebbe ricevuto circa il 52,9% dei voti al ballottaggio, secondo il calcolo preliminare del tribunale elettorale, basato sul 97% delle entrate del sondaggio.

Il candidato in competizione ed ex presidente costaricano Jose Maria Figueroa ha ricevuto circa il 47,1%.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Parlando con i sostenitori nella capitale, San Jose, il 60enne Chaos ha detto di aver umilmente riconosciuto la sua vittoria e ha esortato Ficuras ad aiutarlo a far avanzare il paese.

“Esorto umilmente Jose Maria e il suo partito a lavorare insieme per rendere possibile quello che Don Jose Maria chiama il miracolo costaricano”, ha detto, aggiungendo che Jose Figueroa Ferrer, il padre di Ficuras, ha servito tre mandati come presidente.

“Metteremo da parte sciocchezze e sciocchezze. Stasera inizieremo a lavorare insieme per servire il nostro Paese”, ha aggiunto Chavez, che dovrebbe entrare in carica l’8 maggio.

Figueroa ha subito subito la sconfitta dopo l’uscita dei risultati.

“Mi congratulo con Rodrigo Chavez e congratulazioni a lui”, ha detto ai tifosi.

Caravan di automobili che portano la bandiera del Partito Socialdemocratico Progressista (PPSD) del Caos si sono radunate per festeggiare per le strade di San Jose.

Dopo essere arrivato inaspettatamente secondo dietro a Ficuras in un incerto sondaggio del primo turno di febbraio, i sondaggi di opinione hanno mostrato che Chavez era un po’ un’opzione.

READ  Il ministero della Difesa russo offre il primo importante aggiornamento sulle vittime militari dal 2 marzo

Chavez, che ha servito brevemente come ministro delle finanze del presidente uscente Carlos Alvarado, ha gareggiato come cavaliere. Ha promesso di scuotere l’élite politica, promettendo di utilizzare il referendum per boicottare il Congresso per ottenere un cambiamento. Per saperne di più

“Se le persone andranno a votare, sarà una spazzata, uno tsunami”, ha detto Chavez dopo il suo voto di domenica.

Figueroa ha condotto una campagna sulla sua esperienza e sul patrimonio politico familiare in Costa Rica, una destinazione turistica e roccaforte ecologica considerata una delle democrazie più stabili dell’America Latina.

Su Twitter, Alvarado ha detto di aver invitato Chavez a congratularsi con lui e ha promesso di cedere il potere come si deve.

L’affluenza alle urne è stata del 57,3%, ha affermato il tribunale elettorale, inferiore al 60% che ha votato al primo turno.

Andando alle urne domenica, alcuni elettori hanno detto a entrambi i candidati che erano lenti e che la loro carriera politica era viziata da false accuse.

Chavez ha affrontato accuse di molestie sessuali durante il suo mandato alla Banca Mondiale, che ha negato. Figueroa si è dimesso dalla carica di direttore esecutivo del World Economic Forum nel 2004 tra le accuse di aver influenzato gli accordi del governo con la società di telecomunicazioni Alcatel. Il caso non è stato ascoltato in tribunale.

David Diaz, 33 anni, ha detto di non essere entusiasta di Chavez o Figueroa. Ha lasciato casa presto per votare alle 7:00 nella città rurale di Tagore, a circa 30 km (19 miglia) da San Jose.

“Vedo pochissimo movimento, c’è molta indifferenza”, ha detto Dias, un meccanico in una fabbrica di dispositivi medici.

READ  Il futuro delle azioni sta cambiando mentre gli investitori aspettano la marea delle dichiarazioni economiche

Chavez affronta la sfida di rilanciare l’economia afflitta dall’epidemia di Govt-19 e sradicare il 23% della popolazione di 5,1 milioni.

La crescente disuguaglianza di reddito con quasi il 15% di disoccupazione rende il Costa Rica uno dei paesi più ineguali al mondo. Per saperne di più

Nel gennaio 2021, il paese ha accettato di 1,78 miliardi di dollari in assistenza finanziaria dal Fondo monetario internazionale.

In cambio, il governo ha promesso di apportare modifiche finanziarie e misure di austerità.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Diego Ore e Alvaro Murillo, di Cassandra Garrison; Modifica Clarence Fernandez

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.