Il centro dei Celtics che ha cambiato il basket professionista, Bill Russell, muore a 88 anni

William Felton Russell è nato il 12 febbraio 1934 a Monroe, in Los Angeles, dove suo padre, Charles, lavorava in una fabbrica di sacchetti di carta. Ricorda una calda vita familiare, ma un’infanzia afflitta dal razzismo. Ricorda che un agente di polizia una volta minacciò di arrestare sua madre, Katie, perché indossava abiti preferiti dalle donne bianche. Un addetto alla stazione di servizio ha cercato di umiliare suo padre rifiutando il servizio mentre Bill era con lui, il che si è concluso con Charles Russell che ha inseguito l’uomo con un ferro da stiro.

Quando Bill aveva 9 anni, la famiglia si trasferì a Oakland, in California, sua madre morì quando lui aveva 12 anni e suo padre iniziò un’attività di autotrasporti e in seguito lavorò in una fonderia, allevando Bill e suo fratello Charles Jr. ., insegnando loro a lavorare sodo e ad amare l’autostima e la fiducia in se stessi, come Russell ha ricordato a lungo.

Alla McClymonds High School di Oakland, Russell è diventato un titolare della squadra di basket da senior, già enfatizzando la difesa e il rimbalzo. Un ex giocatore di basket dell’Università di San Francisco, Hal DiJulio, ha esplorato la sua alma mater, ha riconosciuto il potenziale di Russell e gli ha consigliato di allenare Bill Wolbert.

Russell ha ricevuto una borsa di studio ed è diventato un All-American, unendosi alla guardia KC Jones, un futuro compagno di squadra dei Celtics, ha portato San Francisco ai campionati NCAA nelle sue ultime due stagioni. Dopo una sconfitta contro l’UCLA nell’anno da junior di Russell, la squadra ha vinto 55 partite consecutive. Ha segnato una media di 20 punti e 20 rimbalzi nelle sue tre stagioni universitarie.

READ  Le azioni sono salite alle stelle dopo la testimonianza del presidente della banca centrale

“Nessuno ha mai giocato a basket come me, o altrettanto”, ha ricordato Russell della sua carriera universitaria alla rivista Sport nel 1963. “Non hanno mai visto nessuno prima d’ora. Adesso sarò orgoglioso: mi piacerebbe pensare di aver inventato un nuovo stile di gioco.