I leader finlandesi hanno annunciato il loro sostegno all’adesione alla NATO

Era attesa una dichiarazione di sostegno del presidente Sauli Ninisto e del primo ministro Sanna Marin Nato, dopo che il governo finlandese ha recentemente presentato al parlamento del Paese un rapporto sulla sicurezza nazionale, delineando il percorso per entrare a far parte della coalizione. Una delle opzioni della Finlandia.

In una dichiarazione congiunta, Niinisto e Marin hanno affermato: “L’adesione alla NATO rafforzerà la sicurezza della Finlandia. In quanto membro della NATO, la Finlandia rafforzerà l’intera Alleanza per la sicurezza.

Dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, il sostegno pubblico all’adesione della Finlandia alla NATO è aumentato da circa il 30% a quasi l’80% in alcuni sondaggi.

La NATO dovrebbe chiedere alla Finlandia di negoziare la sua fusione una volta che il parlamento avrà approvato l’idea in linea di principio e tutte le altre sanzioni legislative interne saranno revocate.

La Svezia, il vicino occidentale della Finlandia, dovrebbe annunciare presto la sua intenzione di unirsi alla coalizione.

La Russia ha avvertito entrambi i paesi di possibili ripercussioni in caso di adesione alla NATO.

I diplomatici europei e i funzionari della sicurezza credono ampiamente che la Finlandia potrebbe aderire all’alleanza non appena inizieranno i negoziati, poiché per decenni ha acquistato hardware militare compatibile con i suoi alleati occidentali, inclusi gli Stati Uniti, e ha già soddisfatto diversi criteri per l’adesione.

L’adesione della Finlandia alla NATO avrà implicazioni pratiche e simboliche per la Russia e l’alleanza occidentale.

Dalla fine della seconda guerra mondiale, la Finlandia è stata militarmente non allineata e nominalmente neutrale. Per evitare di provocare la Russia. A volte si occupava di problemi di sicurezza del Cremlino e cercava di mantenere buone relazioni commerciali.

READ  Le azioni per lo più sono scese tra i timori di un aumento dei tassi, la Cina ha tagliato l'LPR

Tuttavia, la guerra in Ucraina è cambiata considerevolmente, quindi sembra che il modo migliore per andare avanti sia entrare a far parte della NATO, indipendentemente dalla reazione della Russia.

I funzionari della difesa europea, che hanno parlato con la CNN negli ultimi mesi, ritengono che i paesi della NATO forniranno alcune garanzie per la sicurezza della Finlandia se la Russia si vendicherà prima di aderire formalmente.

Mercoledì, il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato nuovi accordi di difesa con Finlandia e Svezia, promettendo di venire in aiuto del paese se qualcuno di loro fosse stato attaccato.

La Finlandia ha la spesa per la difesa più alta della storia e ha ancora una politica di coercizione, con tutti gli uomini adulti chiamati al servizio militare. È stato ampiamente riconosciuto tra i funzionari della NATO che la Finlandia sarebbe stata una motivazione significativa di fronte all’occupazione russa a causa della serietà con cui il paese ha storicamente considerato la propria sicurezza.

Condivide più di 800 miglia di confine con la Russia e il Cremlino ha affermato prima di invadere l’Ucraina che la NATO vuole riconquistare i suoi confini da dove era negli anni ’90.

Invece, il gioco d’azzardo del presidente Vladimir Putin porterà a un approccio NATO più forte.