I Boston Celtics non si sono fatti intimidire dalla finale NBA contro i Golden State Warriors

SAN FRANCISCO – I Boston Celtics sono tornati alla finale NBA per la prima volta in oltre un decennio, ma l’allenatore del primo anno Ime Udoka ha detto che non c’era motivo di festeggiare.

“Non abbiamo appeso lo striscione [for that] Qui, “Utoka ha detto di aver vinto la Eastern Conference”. Questo è un quadro generale. Penso che l’umore dei ragazzi sia cambiato molto rapidamente.

“Godetelo. Assaggiatelo ragazzi, avete questa volta. Anche [Sunday] Nelle sessioni mediatiche notturne [after Game 7]E a quanto pare negli spogliatoi con noi, i ragazzi stanno già parlando del prossimo e del quadro più ampio.

“Non è quello che siamo venuti a fare. Ti diverti e fai il lavoro in fretta.”

Quel compito, ovviamente, è trovare un modo per battere i Golden State Warriors, che hanno vinto tre campionati e fatto cinque trasferte consecutive alle finali NBA dal 2015 al 2019 prima di perdere i playoff in ciascuna delle ultime due stagioni.

Di conseguenza, il team di Golden State 123 Games entra nella serie con un’esperienza finale NBA combinata. D’altra parte, non c’è un solo giocatore che sia apparso nella finale di Boston nella sua lista.

Tuttavia, Utoka ha detto di non essere preoccupato per il divario di esperienza, sottolineando l’esperienza che lui e i suoi assistenti allenatori hanno avuto in finale, incluso quando ha vinto il titolo di assistente Ben Sullivan con i Milwaukee Bucks lo scorso anno e il titolo di allenatore di Utoga. Tante le finali con i San Antonio Spurs e l’esperienza playoff maturata dai suoi giocatori.

“Posso dirlo, perché essendo lì, so cosa sta succedendo, stiamo già condividendo alcune di quelle storie e alcuni degli allenatori del mio staff che sono stati lì e hanno vinto campionati”, ha detto Utoga. “Quindi da quel punto di vista, è quello che è. Avremo alcuni incontri con il gruppo e parleremo di queste cose. Ma penso che, in generale, abbiamo una squadra molto matura, specialmente con i nostri compagni più giovani. Al [Horford] E Marco [Smart], E i nostri giocatori sono sempre molto alla pari e ci tengono in linea fino ad allora. E poi non mi importava davvero Jason [Tatum], Jaylan [Brown] E i compagni più giovani che non sono su questa piattaforma. Come ho detto, sono arrivate più volte alle finali della Eastern Conference e hanno fatto quel passo, quindi sappiamo cosa ci aspetta.

READ  Elezioni in Australia: annunci in tempo reale e ultime notizie

“Sappiamo per cosa stiamo giocando qui e penso che nessuno dei nostri compagni sia spaventato o intimidito in questo momento. Capiamo di cosa si tratta. Conosciamo il nemico di fronte a noi. Non andrà via. Stiamo davvero Non vedo l’ora. Non c’è molta preoccupazione o ansia. Ci prenderemo questo tempo.

Come parte di quel rilassamento e preparazione, anche i Celtics avranno l’opportunità di consentire Robert Williams III Gestisci il dolore al ginocchio sinistro che lo ha afflitto durante i playoff e respira saggiamente da vari disturbi della gamba destra, inclusi quadricipiti, caviglia e piede.

Williams ha saltato tre partite contro i Bucks nelle semifinali della conferenza e tre partite contro i Miami Heat nella finale della Eastern Conference, a causa di un infortunio osseo al ginocchio sinistro – ha subito un intervento chirurgico mestruale a fine marzo. Ha saltato la fine della stagione regolare e l’inizio della serie del primo turno di Boston contro i Brooklyn Nets.

Utoga ha detto che il resto sarebbe stato utile per la Williams, ma che – come ha detto l’allenatore in precedenza – avrebbe permesso alla Williams di gestire le sue ginocchia durante gli altri playoff.

“Rob sta bene”, disse Utoga. “Era bravo. Si sentiva bene. I suoi minuti erano brevi e giocava solo 14 pollici [Game 7 against Miami]. Abbiamo cercato di tenerlo nella zona più bassa, se possibile. Ovviamente, sarebbe vantaggioso per lui andare avanti, ma lo sarebbero anche le vacanze. Quindi dovrebbe sentirsi meglio in generale. Visto oggi e continuerà a ricevere cure e riabilitazione, a ridurre il gonfiore e recuperare parte del dolore e del movimento. Quindi, come ho detto, sarà qualcosa che accadrà costantemente. È bellissimo giorno dopo giorno durante tutti i playoff”.

READ  Cosa faresti con questa fantastica bolla tattile fai-da-te?

Con due giorni di riposo tra le partite 3 e 4 a Boston, Utoka ha aggiunto che la Williams dovrebbe beneficiare della natura diffusa delle finali NBA.

“[He] Invece di giocare tutti i giorni, questi due giorni tra le partite dovrebbero essere piacevoli con le vacanze e il tempo intermedio. Penso che, tornando alla serie di Milwaukee, abbiamo giocato dritto per 17 giorni al giorno, quindi ti influenzerà quando uscirai da un intervento chirurgico. Metteremo giù i suoi minuti e lo faremo stare di nuovo bene, e ovviamente ci aiuterà ad andare avanti”.

Per quanto riguarda Smart, che ha saltato le partite 1 e 4 contro Miami – prima distorsione a centrocampo, poi distorsione alla caviglia – Utoga ha detto che stava bene dopo aver giocato pesanti minuti nella vittoria di Boston in Gara 7 contro Miami.

“Marcus, non preoccuparti per questo”, disse Utoga. “È quel gonfiore. Si dissolverà col passare del tempo.

“La tolleranza al dolore è una cosa, ovviamente può giocare molto, lo ha fatto [in Game 7] E ha giocato minuti pesanti”.