Guerra Ucraina-Russia: l’ultima – The New York Times

La prima persona Yana Muravinets ha cercato di espellere la sua casa vicino al fronte in Ucraina, una giovane donna incinta di cinque mesi.

Non voleva rinunciare alle mucche, al vitello o al cane. Ha detto alla sig.ra Muravinets di aver speso energia e denaro per costruire la sua casa vicino alla città di Mykolaiv, nel sud dell’Ucraina e che aveva paura di perderla.

“Ho detto: ‘Non c’è bisogno di niente di tutto questo quando sei sdraiato qui a morire'”, ha detto la signora Muravinetz.

Sin dai primi giorni della guerra, una fotografa e videomaker di 27 anni della zona, la sig. Muravinets ha assunto un nuovo ruolo di volontariato con la Croce Rossa: promuovere le evacuazioni. Attraverso telefonate, conversazioni porta a porta, discorsi pubblici nelle piazze dei villaggi e talvolta anche sotto tiro, ha cercato di convincere gli ucraini che l’unico modo per sopravvivere era lasciare tutto.

Costringere le persone a rinunciare a tutto ciò che avevano costruito in una vita era uno dei tanti lavori noiosi creati dalla guerra, un altro Sfida le autorità hanno affrontato La città di Mykolayiv è stata in grado di respingere gli attacchi russi all’inizio della guerra e gli scioperi hanno colpito essa e il suo territorio, provocando morte e distruzione diffuse. Molti residenti se ne sono andati, ma rimangono centinaia di migliaia e Nell’ufficio del sindaco Ha esortato le persone ad andarsene.

Sig.ra. Muravinets, che ha trascorso migliaia di ore negli ultimi mesi cercando di presentare una causa per lo sfratto, ha affermato di essere impreparato al compito. Ha iniziato ad avere un attacco di panico, ma sentiva di dover andare avanti.

READ  Florida contro Punteggio Utah, takeaway: Anthony Richardson interpreta il debutto n. 7 ute

“La guerra non è finita, le persone si stanno mettendo in pericolo”, ha detto in una chiamata Zoom di Mykolaiv che è stata interrotta dai bombardamenti. “Se riesco a convincere qualcuno ad andarsene, va già bene.”

Borys Shzabelki, un coordinatore dell’evacuazione disabile che lavora con la signora Muravinets, l’ha descritta come una lavoratrice instancabile, gentile con gli sfollati e “sempre di buon umore” con i colleghi.

Con la Croce Rossa ha aiutato a evacuare più di 2.500 persone, ma molte sono rimaste o sono tornate giorni dopo la loro partenza. Ci è voluto un mese e mezzo per convincere la giovane donna incinta a fuggire, e se n’è andata solo dopo che le finestre della sua casa sono state colpite due volte, ha detto la signora Muravinets.

“Soprattutto quando è sicuro, le persone pensano che sia buono e vivono sotto qualche illusione”, ha detto. “Decidono di andarsene solo quando i missili tornano a casa”.

debito…Letitia Wancon per il New York Times
debito…Tyler Hicks/The New York Times

Per due anni prima della guerra, la signora Muravinets ha lavorato in uno stabilimento per Lactalis, un’azienda lattiero-casearia francese, e si è recata nei villaggi agricoli per controllare la qualità del latte.

Ora che molte strade di campagna sono diventate pericolose, usa le scorciatoie apprese nel suo precedente lavoro per evitare incendi e raggiungere villaggi remoti. Ma ora deve convincere i produttori di latte a rinunciare ai loro mezzi di sussistenza.

READ  La Russia esorta l'Ucraina a deporre le armi nella guerra di Siverodonetsk

“È tutta una vita per loro”, ha detto. “Dicono: ‘Come posso lasciare le mie mucche? Come posso lasciare le mie mucche?”

Prima della guerra, ha detto, una mucca poteva arrivare fino a $ 1.000. Ora, la gente li porta ai macelli per procurarsi la carne per una parte.

Sig.ra. Muravinets ha detto che alcuni agricoltori hanno accettato di evacuare in modo che gli animali non muoiano di fame, e mucche, tori e anatre ora vagano per le strade del villaggio in cerca di cibo e acqua.

“Le persone che avevano soldi, opportunità, automobili se ne sono già andate”, ha detto la signora Muravinets. Ma altri, che da mesi vivono nei bunker, le hanno detto che erano pronti a morire lì perché si erano rifiutati di andarsene.

Ha detto che è rimasta per lo stesso motivo.

“Quelli che sono rimasti sono quelli che sono disposti a sacrificare la propria vita”.

Valeria Safronova Reportage contribuito da New York.