“È difficile credere che stia succedendo davvero”: Shanghai rimuove il blocco del governo

  • Recinzioni di blocco a Shanghai, la polizia rimuove il nastro
  • Il blocco termina alla mezzanotte di due mesi dopo
  • Molti sono diffidenti nel prendere la baia, un altro pericolo di blocco

SHANGHAI, 31 mag (Reuters) – Le autorità di Shanghai hanno iniziato martedì ad abbattere i nastri della polizia su piazze ed edifici pubblici, rimuovendo le recinzioni intorno alle aree residenziali prima di rimuovere un blocco di due mesi a mezzanotte nella più grande città della Cina.

Lunedì sera, ad alcuni è stato permesso di lasciare i loro campus per una breve passeggiata, riunendosi per mangiare birra e gelato in strade deserte usando il traffico in pausa. Ma c’era un senso di allarme e preoccupazione tra i residenti.

Joseph Mack, che lavora nel campo dell’istruzione, ha detto: “Mi sento un po’ nervoso. “È difficile credere che stia succedendo davvero”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

La maggior parte è di nuovo paralizzata a casa fino a mezzanotte perché negli ultimi due mesi ha subito perdite di reddito a causa del blocco rigorosamente imposto e frustrazione per le persone che lottano per ottenere cibo o cure mediche di emergenza.

L’isolamento prolungato ha provocato indignazione pubblica e rare proteste all’interno della città di 25 milioni di persone, interrompendo la sua produzione e l’economia orientata all’esportazione, interrompendo le catene di approvvigionamento in Cina e nel mondo e rallentando il commercio internazionale.

Verranno rimossi gli abbonamenti forniti dagli edifici residenziali alle persone per uscire per qualche ora, riprenderanno i trasporti pubblici e i residenti potranno recarsi al lavoro, con la vita che tornerà alla normalità da mercoledì.

“Questo è un giorno che sognavamo da molto tempo”, ha detto ai giornalisti Yin Chin, portavoce del governo di Shanghai.

READ  Notizie dal rapporto sui lavori di marzo: Annunci in tempo reale

“Tutti hanno fatto molti sacrifici. Questa giornata è stata vinta duramente e dobbiamo custodirla e dare il bentornato alla nostra Shanghai familiare e mancata”.

Martedì in un torrente di Shanghai, un’anatra marinata stava riempiendo gli scaffali del negozio, un bar è stato ristrutturato all’ultimo minuto e gli addetti alle pulizie stavano spazzando le vetrine.

Le barriere saranno allentate a circa 22,5 milioni di persone nelle aree a basso rischio. I residenti dovrebbero comunque indossare le mascherine ed evitare la folla. È vietato mangiare all’interno dei ristoranti. I negozi possono funzionare con un’efficienza del 75%. Le palestre riapriranno più tardi. leggi di più

I residenti devono controllare ogni 72 ore per utilizzare i mezzi pubblici e per accedere ai luoghi pubblici. C’è ancora un grave isolamento per coloro che soffrono della malattia di Govt e dei loro stretti contatti.

Avviso di blocco

La Cina è l’unico tra i paesi chiave che attuano la politica “zero COVID” per eliminare le esplosioni ad ogni costo.

Julian McCormick, presidente della Camera di commercio britannica in Cina, ha affermato che Shanghai ha messo sotto controllo il COVID “a un costo personale ed economico molto significativo”.

“Cosa è cambiato per garantire che ciò non accada di nuovo?” Chiese. “C’è incertezza”.

Todd Pearson, amministratore delegato del Camel Hospitality Group, che gestisce ristoranti, bar e palestre a Shanghai e dintorni, è cauto.

I suoi ristoranti possono fare solo consegne, il che porta il 5% delle entrate, non abbastanza per stipendi e affitto. I suoi lavoratori, che dormono sul cantiere almeno da mezzanotte, possono finalmente tornare a casa.

READ  Monte Kuzna: sette persone sono morte in un incidente in elicottero in Italia

“Spero che abbiano fretta di riavviare l’economia”, ha detto Pearson. “Spero che non sia a costo di ulteriori esplosioni. Non so se molte aziende o persone possano gestirne di più”.

L’attività economica in Cina si è leggermente ripresa dal cattivo aprile di maggio, poiché le sanzioni COVID sui centri di produzione sono state gradualmente allentate, sebbene le restrizioni ai movimenti abbiano frenato la domanda e la produzione. leggi di più

Divertimento con le bandiere

Shanghai ha registrato 31 casi il 30 maggio, rispetto ai 67 del giorno prima, il che rappresenta un calo in tutta la Cina a meno di 200 infezioni a livello nazionale.

La decisione del Lockdown di Shanghai non significa un ritorno allo stile di vita pre-governativo.

Ad alcuni impiegati di banca è stato detto di indossare abiti Hazmat completi e schermi per il viso quando inizieranno a confrontarsi con il pubblico da mercoledì. Qualcuno ha detto che se un collega avesse avuto un test positivo e il personale avesse dovuto essere isolato in ufficio, avrebbe portato alcuni elementi di base per lavorare.

La gestione delle serrature da parte della città ha provocato rare proteste, con le persone che a volte rompono pentole e padelle fuori dalle finestre per mostrare il loro dispiacere.

“Il governo di Shanghai deve presentare scuse pubbliche per ottenere la comprensione e il sostegno del popolo di Shanghai e per riparare il rapporto danneggiato tra il governo e il popolo”, ha affermato Gu Weikuo, professore presso la Futan University’s School of Foreign Languages. Inserito su WeChat.

Il presidente Xi Jinping, che dovrebbe assumere la terza presidenza questo autunno, è stato preso di mira in un anno cruciale.

READ  March Madness 2022 Bracket Prodictions: NCAA Competitive Exams from the Proven College Basketball Model

Prima della riapertura, una bandiera cinese composta è stata appesa ai residenti da fotografare mentre facevano la fila per un ulteriore test PCR.

“Vale la pena festeggiare”, ha detto un volontario sul sito del test, che era più ottimista sul COVID di quelli che si sono asciugati il ​​naso. “Forse non lo recupereremo per il resto delle nostre vite.”

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di David Stanway, Vinnie Cho, Brenda Ko, Yifan Wang, David Girton, Alby Zhang, Stella Q e le console di Pechino e Shanghai; Scritto da Marius Zaharia; Montaggio di Michael Perry e Angus Maxwan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.