Con il rimbalzo del mercato azionario, l’inflazione nel Regno Unito è ai massimi degli ultimi 40 anni

LONDRA, 18 mag. (Reuters) – Il rimbalzo delle azioni di mercoledì ha allentato il sentiment mentre le prospettive di crescita economica e le preoccupazioni per l’aumento dell’inflazione hanno allentato il sentiment, sottolineando quanto sia alto il tasso di inflazione nel Regno Unito al 9%.

I titoli asiatici sono stati in grado di ottenere il quarto rialzo consecutivo, ma i titoli in Europa sono stati contrastanti e il futuro di Wall Street ha indicato una debole apertura.

Molti analisti hanno classificato il forte rally di questa settimana come il salto a breve termine del tipo comune durante la lunga tendenza al ribasso delle azioni. Alcuni sono disposti a prevedere la fine delle vendite dopo i primi cinque mesi dell’anno per asset rischiosi altamente macroeconomici.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Il sentimento e la fiducia degli investitori stanno tremando e, di conseguenza, i tassi delle 3R, la recessione e il rischio rischiano di vedere mercati volatili e volatili fino a ulteriore chiarezza”, ha affermato Mark Heffel, Chief Investment Officer, UBS Global. Gestione patrimoniale.

Alle 0810 GMT, il più ampio Euro STOXX 600 (.STOXX) Il FTSE 100 del Regno Unito è in calo dello 0,1% (.FTSE) Era anche inferiore dello 0,1%.

Ampio indice dell’MSCI delle azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) In rialzo dello 0,6% ed è alla sua serie di vittorie più lunga da febbraio. Nikkei del Giappone (.N225) 0,94% e i minatori guidano il titolo australiano (.AXJO) Circa l’1% in più.

Indice MSCI Global Equity (.MIWD00000PUS) 0,1%, in aumento del 2% finora questa settimana, ma in calo del 16% dal picco di gennaio.

READ  Le azioni europee sono scese dopo che la Cina ha aggiunto problemi di crescita dei dati
Codice azionario globale MSCI

Nei mercati valutari, la sterlina ha subito pesanti perdite, dopo che l’inflazione dei prezzi al consumo nel Regno Unito ha toccato il 9% ad aprile, scendendo dello 0,9% a 1,2387 dollari, un massimo degli ultimi 40 anni e più o meno in linea con le aspettative degli analisti. La sterlina è aumentata bruscamente questa settimana ed è scesa su alcuni guadagni di mercoledì.

L’inflazione britannica è ora molto alta nelle principali economie, ma i prezzi in tutto il mondo stanno aumentando rapidamente, costringendo le banche centrali ad avviare rialzi dei tassi sostenuti anche se la crescita economica rallenta.

La misurazione dell’inflazione canadese di aprile arriverà anche dopo mercoledì.

Il dollaro USA è salito dello 0,3% a 103,61, invertendo il suo massimo di due decenni la scorsa settimana, mentre l’euro è sceso dello stesso importo a $ 1,0515.

Shock negativi

Le vendite al dettaglio negli Stati Uniti ad aprile hanno aiutato a prevedere il sentiment a breve termine, con una forte crescita e previsioni che hanno superato le aspettative di produzione industriale. leggi di più

I dati di mercoledì hanno mostrato che l’economia giapponese si è contratta meno del previsto nel primo trimestre. leggi di più

Shanghai sta ponendo fine al suo prolungato blocco e il vice primo ministro cinese ha rilasciato piacevoli commenti ai dirigenti della tecnologia come recente segno di allentamento della pressione. leggi di più

Tuttavia, qualsiasi buona notizia è stata compensata da un promemoria del presidente della Federal Reserve Jerome Powell che il controllo dell’inflazione richiederebbe un aumento dei tassi e un po’ di sofferenza. leggi di più

Gli investitori hanno fissato 50 punti base per gli aumenti dei tassi negli Stati Uniti a giugno e luglio e vedono il tasso del Fed Fund di riferimento salire al 3% all’inizio del prossimo anno.

READ  Biden ospita il vertice Usa: annunci in diretta

I ricavi del Tesoro USA sono rimasti stabili mercoledì e sono stati al di sotto dei recenti massimi pluriennali, ma i rendimenti dei titoli di stato tedeschi a 2 anni hanno raggiunto il picco dopo dicembre 2011 sulla scia dei peggiori commenti della banca centrale. Il nodo di vetro della Banca centrale europea ha dichiarato martedì che un aumento di 50 punti base a luglio è possibile se l’inflazione aumenta.

Poiché la maggior parte dei prezzi era inferiore al recente aumento, le materie prime hanno marciato con le azioni questa settimana poiché i mercati hanno trovato ragioni per mantenere la fiducia nella crescita.

Il greggio Brent è salito dell’1,3% a 113,38 dollari al barile mercoledì, mentre il greggio statunitense è salito dell’1,64% a 114,24 dollari.

L’S&P Global Ratings ha declassato le previsioni di crescita per Cina, Stati Uniti ed Eurozona, sottolineando le prospettive deboli per le principali economie mondiali.

“L’economia mondiale continua ad affrontare un numero insolitamente elevato di shock negativi”, ha affermato Paul F., capo economista. ha detto Grunwald.

“Due sviluppi hanno cambiato il quadro macro”, ha affermato, indicando l’invasione e l’inflazione russa in Ucraina, che è diventata più ampia, più ampia e più coerente di quanto si pensasse in precedenza.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Rapporto aggiuntivo di Tom Westbrook a Singapore; Montaggio di Kim Gokil

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.