Al vertice della ripresa, Biden ha presentato un nuovo piano economico latinoamericano

LOS ANGELES, 8 giugno (Reuters) – Il presidente Joe Biden ha annunciato mercoledì una nuova partnership economica degli Stati Uniti con l’America Latina volta a contrastare la crescente influenza della Cina.

Biden, che ha ospitato il vertice degli Stati Uniti a Los Angeles, ha cercato di rassicurare i leader riuniti sull’impegno della sua amministrazione nella regione, nonostante le preoccupazioni che Washington potesse a volte provare a dettare ai suoi vicini meridionali più poveri.

Dopo il ritiro di Fiden da Cuba, Venezuela e Nicaragua, il numero dei capi di stato e di governo in visita è stato ridotto a 21, spingendo il presidente messicano Andres Manuel Lpez Obrador e molti altri leader a stare lontano dalle proteste.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Vogliamo investire nella costruzione delle nostre attività che siano sostenibili e che siano catene di approvvigionamento altamente flessibili, sicure e stabili”, ha affermato Biden durante una cerimonia di apertura della mostra.

Biden cerca di presentare i paesi dell’America Latina come un’alternativa alla Cina, che chiede un maggiore coinvolgimento economico degli Stati Uniti, compresi maggiori investimenti e la costruzione di accordi commerciali esistenti.

Tuttavia, la sua “American Partnership for Economic Prosperity” sembra essere ancora attiva, smette di fornire sgravi tariffari e, secondo un alto dirigente, inizialmente gli Stati Uniti Trattati commerciali. I negoziati dovrebbero iniziare all’inizio dell’autunno, ha aggiunto il funzionario.

Biden ha delineato il suo piano al momento del lancio del vertice, che servirà da piattaforma per la leadership statunitense per rilanciare le economie latinoamericane e affrontare il livello record di migrazione irregolare lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

READ  Il Dipartimento di Giustizia si rifiuta di accusare Meadows e Scavino di aver insultato il Congresso

Ma la sua agenda è stata minata dal boicottaggio parziale dei leader sconvolti dalla decisione di Washington di tagliare fuori i suoi principali rivali di sinistra nella regione.

Di conseguenza, mentre i dignitari in visita camminavano uno dopo l’altro sul tappeto rosso circondati da una guardia d’onore militare, Biden ha salutato un gruppo di ministri degli esteri più numeroso del solito seduto per i loro leader nazionali.

I funzionari statunitensi sperano che il vertice e l’incontro congiunto dei dirigenti aziendali portino a una maggiore cooperazione mentre i governi combattono un lavoro più inflazionistico per portare le catene di approvvigionamento estese dell’epidemia di COVID-19 più vicino a casa.

Biden ha anche usato il suo discorso per vedere in anteprima l’annuncio del vertice di venerdì, che ha definito un “nuovo approccio meraviglioso e integrato” con responsabilità condivisa in tutto l’emisfero. Ma ha fornito alcuni dettagli.

Anche se Biden si occupa di priorità come licenziamenti di massa, alta inflazione e guerra in Ucraina, il funzionario statunitense sta cercando di spingere gli obiettivi competitivi dell’amministrazione contro la Cina lanciando una nuova alleanza per la regione.

Il piano degli Stati Uniti è di rilanciare la US Interstate Development Bank e creare posti di lavoro nel settore dell’energia pulita.

Tuttavia, l’amministrazione sembrava muoversi con cautela, poiché l’iniziativa per promuovere l’occupazione all’estero potrebbe subire una spinta da parte dei protezionisti statunitensi.

La sfida della Cina

La sfida della Cina è chiaramente un concetto chiave.

Da quando Biden è entrato in carica nel gennaio 2021, la Cina ha ampliato il divario commerciale rispetto agli Stati Uniti in gran parte dell’America Latina.

READ  Nome delizioso ma ribattezzato Big Mac I ristoranti McDonald's non hanno aperto in Russia

Un’analisi Reuters esclusiva dei dati commerciali delle Nazioni Unite per il periodo 2015-2021 mostra che al di fuori del Messico, la Cina, il principale partner commerciale degli Stati Uniti, ha sovraperformato gli Stati Uniti in America Latina e ha aumentato i suoi vantaggi lo scorso anno. leggi di più

“La migliore alternativa all’infiltrazione della Cina nella regione è garantire che presentiamo la nostra ferma visione economica per la regione”, ha affermato l’esecutivo.

Gli assistenti di Biden hanno progettato il vertice come un’opportunità per gli Stati Uniti di riaffermare la propria leadership in America Latina, dopo anni di boicottaggio comparativo sotto il suo predecessore, Donald Trump.

Ma le tensioni diplomatiche si sono aperte questa settimana quando Washington ha deciso di non invitare i tre paesi, che secondo loro violano i diritti umani e i valori democratici.

Rifiutando la sua richiesta di invitare tutte le nazioni, Lopez Obrador ha affermato di essere distratto e distratto dagli obiettivi e dalle divisioni regionali dell’amministrazione statunitense.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, Jake Sullivan, ha detto ai giornalisti che la mancata presenza di alcuni leader rifletteva le loro stesse “decisioni uniche” e che un lavoro considerevole doveva ancora essere compiuto.

Il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha affermato che gli Stati Uniti non hanno “autorità morale” per tenere conferenze sulla democrazia e ha ringraziato Lopez Obrador per la sua “unità”.

I leader del Guatemala e dell’Honduras, due paesi che inviano più immigrati negli Stati Uniti, sono rimasti a casa e hanno sollevato interrogativi sul significato della prossima Dichiarazione congiunta sulla migrazione.

Tuttavia, i leader di oltre 20 paesi, tra cui Canada, Brasile e Argentina, partecipano al vertice ospitato dagli Stati Uniti per la prima volta dalla sua sessione inaugurale nel 1994.

READ  Le azioni europee sono scese dopo che la Cina ha aggiunto problemi di crescita dei dati

Biden terrà colloqui giovedì con il presidente brasiliano Jair Bolzano sul cambiamento climatico e sul tema “elezioni aperte, trasparenti e democratiche in Brasile”. leggi di più

Il populista di Trump, Bolsanaro, che aveva una relazione fredda con Biden, ha sollevato dubbi sul sistema di voto del Brasile prima delle elezioni di ottobre, con sondaggi di opinione che mostrano che ha perso contro il rivale di sinistra Luis Inacio Lula da Silva.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Report di Trevor Hunnicutt, Daina Beth Solomon, Matt Spetalnick, Dave Graham, Humeyra Pamuk; Rapporto aggiuntivo di Jeff Mason, Steve Holland e Dave Sherwood; Scritto da Matt Spadelnick e Dave Graham; Montaggio di Grand McCauley e Richard Bullin

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.