Internazionale di Pasqua: anche Michael Jung al via ai Pratoni del Vivaro

Ph: Ufficio stampa CECR/Massimo Argenziano

Completo protagonista negli impianti del Centro Equestre Ranieri di Campello (Rocca di Papa, Roma), dove è tutto pronto per il concorso internazionale in programma nel fine settimana di Pasqua (29 marzo/1 aprile). Oltre 200 binomi al via nei CIC 1*-2*-3*, CCI 1*- 2* e CCIP*.

Una competizione di alto prestigio che vedrà la partecipazione di cavalieri e amazzoni sfidarsi nelle tre classiche prove previste dal regolamento di gara della disciplina del Completo: Dressage, Salto ostacoli e lo spettacolare Cross Country. Tra gli atleti che prenderanno parte alla competizione, a conferma dell’importanza del concorso, il tedesco Micheal Jung, campione olimpico, mondiale ed europeo ormai entrato nella storia dell’equitazione ed il campione polacco Pawel Spisak. A difendere i colori azzurri ci penserà un vero e proprio plotone che vede tra i rappresentanti i nostri migliori cavalieri e l’appuntato scelto Stefano Brecciaroli, l’agente della Fiamme Oro Pietro Roman, Marco Biasia e Roberto Rotatori, che nel loro curriculum vantano anche una o più competizioni a “cinque cerchi”. La gara dei Pratoni sarà anche la prima tappa dell’Italian Eventing Tour, circuito ideato dalla FISE per stimolare la crescita dei binomi attraverso manifestazioni di alto profilo tecnico, preparandoli agli impegni agonisti ufficiali della stagione.

Il prestigio e il successo della manifestazione si deve anche al Centro Equestre Ranieri di Campello, storico Centro Federale su 150 ettari conosciuto in tutto il mondo, simbolo dell’equitazione italiana, nato in occasione delle Olimpiadi del 1960.

Inagibile negli ultimi anni, il ritorno all’operatività del Centro è avvenuto grazie all’impegno dell’Accademia Nazionale Federico Caprilli, a cui è stata affidata la gestione, ed il contributo del CONI, della FISE, dei sindaci dei comuni dei Castelli romani, della Regione Lazio, del Demanio dello Stato, e dei numerosi volontari e privati che hanno partecipato con passione ai lavori di recupero.

La grande partecipazione al Concorso Internazionale rappresenta un grande traguardo non solo per il Centro, ma anche per l’economia locale che da sempre gravita attorno alle attività equestri, nonché l’occasione per far conoscere e appassionare gli stranieri alla storia del centro e del territorio.

All’organizzazione del concorso hanno infatti aderito numerosi sponsor, alcuni anche di calibro internazionale, tra cui la tedesca Fischer e le italiane Fiat, New Holland, la Romana Diesel, il Castello del Terriccio e Ignarra Motors. Contributi e segnali importanti per il futuro sviluppo del Centro Equestre Ranieri di Campello che si propone di diffondere la cultura del cavallo e degli sport equestri attraverso occasioni formative dedicate agli atleti e le figure del settore e istituendo, grazie ad una convenzione con l’Università della Tuscia e la Fondazione Terzo Pilastro di Roma e con il supporto di FISE e CONI, il primo Master Universitario in Italia in “Cultura, tradizione e innovazione nella gestione del cavallo sportivo”.

Fonte:FISE

- Partner -

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 6)

Lascia un commento...