La scienza rivela quale sia il campo prova perfetto

- Ph:x-bionic equestor sphere

Uno studio condotto dall’università di scienze della vita di Lublino, Polonia, ha rivelato che l’intensità del campo prova incide sulla prestazione in campo gara.

Fare molti salti e alti durante il riscaldamento incide negativamente sulla gara, la durata invece non influenza le prestazioni.

Gli studiosi hanno preso in considerazione la durata del campo prova, il numero di salti e le altezze massime confrontandoli con i risultati ottenuti in campo gara. Per finalizzare lo studio sono state prese in considerazione anche nazionalità, sesso, età e livello di preparazione di cavallo e cavaliere.

La ricerca ha evidenziato che le donne riscaldano i loro cavalli a più a lungo, ma saltano più basso rispetto agli uomini.

Il collegamento tra le penalità e il numero di salti effettuati in campo prova è stato chiaro sin dall’inizio. Più si salta, più si rischia di fare errore in campo gara.

Lo studio ha inoltre sottolineato l’importanza del riscaldamento sulla prestazione: un lungo lavoro in piano aumenta l’ampiezza della falcata e migliora l’elasticità del cavallo. Gli scienziati hanno dichiarato che “È difficile stabilire quale sia la soglia massima del riscaldamento, soglia dopo la quale le prestazioni iniziano a calare.”

Dato di fatto però che il campo prova serve a riscaldare il cavallo, non a prepararlo per la gara… il lavoro di preparazione andrebbe fatto a casa!

- Partner -

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 6)

Lascia un commento...