Ci lascia un re, addio Baloubet

Baloubet du Rouet

A sette mesi dalla scomparda del suo allevatore, si è spento un gran Signore e lascia dietro di sé un vuoto enorme. Ci sono cavalli che, per una ragione o per un’altra, lasciano un segno indelebile nei cuori e nelle menti; che sia per le loro doti atletiche fuori dal comune, per le loro incredibili imprese sportive, per le loro eccezionali qualità come razzatori o per la particolare loro personalità, essi sono destinati a lasciare un’impronta, a essere ricordati anche a distanza di anni, anche oltre la morte. Baloubet du Rouet è, indubbiamente, uno di loro e non per uno solo dei motivi elencati bensì per tutti.

A 28 anni, lo straordinario stallone Selle Français, allevato da Louis Fardin, acquistato a 3 anni da Diego Coutinho, rivelato da Nelson Pessoa e divenuto, infine, una star sotto la sella di suo figlio Rodrigo, abbandona questo mondo per entrare definitivamente nella leggenda.

Grazie al lavoro e alla pazienza di Nelson Pessoa, tutto il talento di questo stallone dall’energia straripante e dal temperamento unico verrà progressivamente alla luce. Agli ordini di Nelson, Baloubet sarà finalista ai WCYH a 6 anni, campione di Francia a Fontainebleau a 7 anni e finalista ai WEG ’98 di Roma. Sarà, tuttavia, con il giovane Rodrigo che questo sauro, frutto dell’incrocio tra la medaglia d’oro a squadre dei mondiali di Dublino’82 Galoubet A e Mésange du Rouet da Starter, diventerà il fenomeno dall’irragiungibile palmarès. Baloubet du Rouet è l’unico a vincere tre volte consecutive la finale di Coppa del Mondo – nel ’98 a Helsinki, nel ’99 a Göteborg e a Las Vegas. Si aggiudicherà, inoltre, due 2° posti (2001 e 2003) ed un 3° posto (2002), nello stesso campionato. Raggiungerà l’apogeo della sua sfavillante carriera, conquistando l’oro individuale alle Olimpiadi di Atene nel 2004.

Baloubet du Rouet

“Sei arrivato come un bambino selvatico di 5 anni ma hai mostrato fin dai primi salti un grande potenziale. L’inizio non è stato facile ma eri così intelligente che hai capito tutto in fretta. Sei cresciuto per diventare uno dei migliori cavalli della storia. Il talento, la forza, la bellezza, l’eleganza, la competenza ti hanno reso il migliore “ Rodrigo Pessoa

Baloubet du Rouet, nonostante non sia stato apprezzato quanto avrebbe meritato e non abbia, quindi, prodotto così tanti figli rispetto ad altri stalloni performer, è riuscito a farsi strada anche tra i migliori riproduttori al mondo, scalando la vetta della classifica WBFSH fino ad insediarvisi nel 2012, grazie soprattutto alle prodezze di Palloubet d’Halong (2° nel GP di Aachen), Chaman (2° miglior cavallo nel 2013), Napoli du Ry (olimpionico a Londra).

Chi porterà avanti l’importante eredità genetica di questo straordinario stallone? Il primo candidato è, senz’altro, l’ottimo Balou du Rouet (Baloubet du Rouet x Continue), già ai vertici della classifica dei top sires (6° posto nella WBFSH ranking 2016) ma vi sono anche Number One d’Iso Un Prince, Chaman, Bubalu VDL, Maloubet de Pléville, Urano, Baloussini, Todt Un Prince così come i più giovani Baracuda 4, Brantzau, Genius, Arlem Andalou, Baloubar Mail, Bassano de Nantuel, Jaloubet K, ed altri ancora.

 

 

- Partner -

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 6)

Lascia un commento...