Aachen: Inno Belga in Gran Premio, Lorenzo de Luca 11°

Gregory Wathelet e Coree - Ph.Stefano Grasso/LGCT

A un primo sguardo sembrava che il Gran premio di Aquisgrana fosse più abbordabile del solito, il direttore di campo Frank Rothenberger aveva deciso di eliminare la storica gabbia di fossi. Si è invece rivelato impegnativo il tracciato: molti gli errori, soprattutto quelli commessi sulla prima gabbia (ostacolo n°7).

Dei 18 cavalieri ammessi alla seconda manche, solo 7 hanno superato indenni da errori il primo percorso. Tra i partenti della seconda manche anche Lorenzo de Luca su Ensor de Litrange LXII, con un errore sul verticale numero 8. Il cavaliere azzurro concluderà la seconda manche con 0 penalità e si classificherà all’11° posto.

Il barrage sarà una partita a quattro: sarà uno tra Laura Kraut, Luciana Diniz, Marc Houtzager e Gregory Wathelet il vincitore del Gran Premio Rolex di Aachen. Primo a scendere in campo è Mark Houtzager con Sterrehof´s Calimero che si preoccupa più della precisione che della velocità e chiude con 0 penalità in 53.66 secondi. Seconda in campo Luciana Diniz su Fit for Fun che appare subito più veloce dell’olandese e, nonostante uno scivolone prima dell’oxer Mercedes, chiude con 0 e fissa lo standard a  47.40 sec. È la volta di Gregory Wathelet e Coree che, con un percorso da cineteca, finiscono con 0 penalità in 46.60 sec., prima posizione provvisoria. Tutto è nelle mani di Laura Kraut e Zeremonie, che nel tentativo di strappare la vittoria al belga incorrono in un errore sull’ultimo salto e rimangono ai piedi del podio (tempo 48.01).

Gregory Wathelet è il vincitore del Rolex Gran Prix di Aachen e inizia oggi la sua personale corsa verso il Gran Slam.

Per la classifica completa clicca qui

 

 

- Partner -

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 6)

Lascia un commento...