Jumping Verona: i primi cavalli sono arrivati nelle scuderie

Come ogni grande sport professionistico,anche la disciplina regina dell’equitazione, il salto ostacoli, è sempre in movimento. Dalla stagione estiva a quella invernale, anche le competizioni ‘indoor’ si rincorrono ogni settimana, scanditi dai weekend della Longines FEI World CupTM. E a Verona già da lunedì sono  arrivati i primi van con a bordo alcuni dei protagonisti della tappa italiana di questo importante circuito mondiale. A bordo dei modernissimi e confortevoli mezzi, i tre cavalli del campione olimpico a squadre inglese Ben Maher, gli altrettanti dell’irlandese Billy Twomey, dell’amazzone svedese Malyn Baryard e del fuoriclasse francese, attuale n°5 della classifica mondiale, Kevin Staut. Tutti sono arrivati da Lione, in Francia – dove domenica scorsa si è svolta la terza tappa della Coppa del Mondo – dopo qualcosa di più di 600 km d’autostrade. Già in scuderia anche i cavalli dei cavalieri giunti dagli altri Paesi europei.
Ultimi nella lista d’arrivo i soggetti dello squadrone tedesco, a Verona giovedì mattina dopo un viaggio dal nord della Germania, da Munster per la precisione.

Del resto in ogni scuderia dei ‘top riders’ del jumping internazionale arrivi e partenze sono frequentissimi. Alcuni cavalli si fermano a casa per riposare e allenarsi, altri partono per le gare, in un turn-over continuo. Quest’autunno il campione olimpico in carica, lo svizzero Steve Guerdat, tra l’altro già arrivato con i suoi saltatori a Verona, ha gareggiato dello CSIO di San Marino-Arezzo appena tornato dal Canada, mentre l’altra metà della sua scuderia lo aspettava per un concorso in programma in California la settimana successiva: dall’altra parte dell’oceano.

Domani alle ore 14.00 la visita veterinaria e alle 16.00 il warm-up

CS_8_Jumping_Verona_5.11

- Partner -

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 6)