Jumping Verona – Grandi cavalieri in campo, lo spettacolo è assicurato

Scott Brash - ph. Jumping Verona/S.Grasso

Nel ricchissimo e variegato palinsesto della 116esima Fieracavalli dei prossimi 6-9 novembre, presentata ufficialmente alla stampa ieri a Roma, Jumping Verona, unica tappa italiana della Longines FEI World CupTM 2014/2015 è uno degli eventi più attesi. Già confermata, infatti, la presenza di concorrenti super accreditati nel panorama mondiale, a garanzia di tre giornate di grande sport e spettacolo che gli appassionati italiani non vogliono assolutamente perdere, come conferma il già raggiunto ‘sold out’ dei biglietti disponibili per l’accesso al padiglione 8, il Pala BMW, per la giornata di domenica, quella dell’atteso Gran Premio Longines FEI World CupTM presented by Fixdesign.

Del resto il livello dei protagonisti dell’appuntamento scaligero, quarto del girone Europa Occidentale della Coppa del Mondo di Salto Ostacoli è veramente di grande spessore. A partire da quello delle rappresentative di Germania e Francia. La prima, sarà infatti capeggiata dal vincitore della finale 2013/2014 di Lione, Daniel Deusser, e potrà contare sulla presenza di assi come Ludger Beerbaum (anche lui a segno in una finale di Coppa del Mondo), Marcus Ehning e Meredith Michaels-Beerbaum (vincitori, invece, di tre finali ciascuno).

I ‘galletti’, invece, schierano Roger-Yves Bost, campione europeo in carica, Patrice Delaveau doppia medaglia d’argento ai WEG, e i suoi compagni di squadra in Normandia, Penelope Leprevost e Kevin Staut.

Il britannico Scott Brash, indiscusso numero uno del ranking Longines FEI, terrà alto l’onore della ‘Union Jack’ in buona compagnia con Ben Maher, entrambi medaglia d’oro a squadre ai Giochi olimpici di Londra 2012 e ai Campionati Europei di Herning 2013, e a un asso del calibro di Michael Whitaker, anche lui lo scorso anno sul gradino più alto del podio continentale.

La bandiera rossocrociata della Svizzera sarà invece difesa, tra gli altri, dal campione Olimpico Steve Guerdat, dal giovane, ma già affermato doppio figlio d’arte, Martin Fuchs e dal veterano Pius Schwizer, nell’ordine primo, secondo e terzo classificato nella tappa di Coppa del Mondo di Helsinki.

L’Irlanda si affiderà alla freschezza del 19enne Bertram Allen, tra i protagonisti in Normandia così come protagonisti ai WEG sono stati Rolf-Göran Bengtsson, uno dei quattro della finalissima individuale, e l’olandese Michael Van Der Vleuten, medaglia d’oro tra i team con il quartetto ‘orange’. Infine lo spagnolo Sergio Alvarez Moya che a Verona ha già messo la sua firma nel 2012.

Spettacolo assicurato con tutti questi campioni!

- Partner -

Error, group does not exist! Check your syntax! (ID: 6)